Attrezzature per blocchi nervosi periferici continui - NYSORA | NYSORA

Attrezzatura per blocchi nervosi periferici continui

Holly Evans, Karen C. Nielsen, M. Steve Melton, Roy A. Greengrass, e Susan M. Steele

INTRODUZIONE

I blocchi nervosi periferici continui (CPNB) offrono una serie di vantaggi nel periodo perioperatorio. Queste tecniche forniscono la flessibilità per prolungare l'anestesia intraoperatoria evitando i rischi e gli effetti collaterali dell'anestesia generale. Dopo l'intervento chirurgico, i CPNB offrono un'analgesia postoperatoria estesa. Rispetto all'analgesia parenterale con oppioidi, i CPNB sono associati a analgesia superiore, consumo ridotto di oppioidi e riduzione degli effetti collaterali correlati agli oppioidi come nausea e vomito postoperatori, sedazione e depressione respiratoria. Il risultato è un'analgesia di qualità simile all'anestesia epidurale; tuttavia, con i CPNB si verificano meno ipotensione, ritenzione urinaria, prurito e limitazioni della mobilità.

Esistono anche prove a sostegno dell'effetto benefico dei CPNB sui modelli di sonno postoperatorio e sulla funzione cognitiva, nonché sulla riabilitazione precoce. La simpatectomia concomitante è ideale dopo chirurgia microvascolare, reimpianto e a lembo libero, nonché per il trattamento dell'iniezione intra-arteriosa accidentale di farmaci. L'analgesia estesa può essere fornita anche ai pazienti con dolore cronico ea quelli che necessitano di cure palliative per malattie terminali. Infine, l'uso preoperatorio può ridurre la sensazione dell'arto fantasma nei pazienti sottoposti ad amputazione.

Nonostante questi vantaggi, i CPNB sono stati storicamente relativamente sottoutilizzati. Questa precoce mancanza di popolarità era multifattoriale; tuttavia, è probabile che abbiano contribuito apparecchiature CPNB inadeguate. Lo sviluppo di aghi CPNB, cateteri e tecnologia di localizzazione dei nervi è stato essenziale per l'uso sicuro e il progresso di queste tecniche di anestesia regionale. Questo capitolo riassume le apparecchiature necessarie per l'anestesia continua del plesso e esaminerà la cronologia dello sviluppo delle moderne apparecchiature CPNB.

CONSIDERAZIONI PREBLOCCO

Block Room

Un catetere perineurale può essere posizionato in una stanza di blocco proprio mentre la procedura del paziente precedente sta finendo. Ciò migliora l'efficienza e il flusso della sala operatoria. Una stanza di blocco consente di immagazzinare e immagazzinare le forniture e i monitor discussi in seguito in un unico luogo. La stanza di blocco dovrebbe essere una stanza pulita e semi-sterile nelle immediate vicinanze della sala operatoria.

Blocco carrello

Tabella 1 delinea le forniture di block cart necessarie per l'esecuzione dei CPNB. Le forniture sono sterili ove applicabile.

TABELLA 1 Block cart forniture necessarie per continui blocchi nervosi periferici.

  • Guanti sterili ± camice per anestesista
  • Soluzione disinfettante (2% di clorexidina gluconato con 70% di alcol isopropilico)
  • Tende trasparenti
  • Aghi per infiltrazione sottocutanea di anestetico locale (cioè 25 gauge 1½ pollice)
  • Siringhe per infiltrazione sottocutanea di anestetico locale (es. 3 ml)
  • Garza da 2 × 2 pollici
  • Selezione di aghi a blocco e set di cateteri di diametro e lunghezza appropriati
  • Stimolatore nervoso ed elettrodi
  • Macchina ad ultrasuoni
  • Selezione di sonde ad ultrasuoni di frequenza, forma e dimensione appropriate
  • Copri sonde ecografiche sterili
  • Gel sterile per ecografia
  • Destrosio 5% in acquaAnestetici locali e adiuvanti (vedi sotto)
  • Medicazione occlusiva, Epi-Guard, tape, Mastisol, Dermabond®
  • Connettori per punta prossimale del catetere
  • Fonte di ossigeno
  • Maschere di ossigeno
  • Aspirazione

Controllo

I pazienti che ricevono un catetere perineurale spesso ricevono sedazione e grandi dosi di anestetico locale. Dovrebbero avere i monitor standard dell'American Society of Anesthesiologists (ASA) applicati. Inoltre, questi pazienti devono essere monitorati da un individuo con conoscenze e abilità di rianimazione con supporto vitale cardiaco avanzato (ACLS).

Farmaci e attrezzature per la rianimazione

Durante il posizionamento di un CPNB possono verificarsi numerose complicazioni potenzialmente letali. Tabella 2 elenca i farmaci e le attrezzature per la rianimazione che dovrebbero essere prontamente disponibili.

TABELLA 2. Farmaci e attrezzature rianimatori necessari.

  • Farmaci ACLS (cioè, epinefrina, vasopressina, atropina)
  • Cardioverter/defibrillatore
  • Intralipid® 20% (bolo da 1.5 mL/kg in 1 minuto e ogni 3–5 minuti fino a 3 mL/kg, infusione di 0.25 mL/kg/min, dose totale massima 8 mL/kg)

premedicazione e sedazione

Tabella 3 elenca vari agenti che possono essere utilizzati per fornire sedazione e analgesia per il posizionamento del catetere perineurale. La maggior parte sostiene l'uso della sedazione leggera, consentendo così la comunicazione con il paziente in merito ai potenziali effetti collaterali.

TABELLA 3. Agenti per la sedazione e l'analgesia per il posizionamento di cateteri perineurali.

  • Benzodiazepine (cioè midazolam)
  • Oppiacei (cioè fentanil)
  • Antagonisti N-metil-aspartato (cioè ketamina)
  • Alfa-2 antagonisti (cioè clonidina, dexmedetomidina)
  • Anestetici (cioè, propofol, etomidato)

Iniziazione del blocco di soluzioni anestetiche locali e adiuvanti

Una varietà di anestetici locali dovrebbe essere disponibile sul carrello dei blocchi per avviare il blocco nervoso. Gli agenti a breve durata d'azione come la lidocaina o la mepivacaina consentono un rapido inizio ma un recupero precoce del blocco sensomotorio. Ciò facilita la valutazione tempestiva della funzione neurologica dopo l'intervento chirurgico e prima di iniziare un'infusione perineurale continua. L'inizio del blocco con agenti a lunga durata d'azione come bupivacaina o ropivacaina prolunga la durata dell'anestesia densa e dell'analgesia. La ropivacaina viene spesso scelta al posto della bupivacaina per il suo profilo di sicurezza più favorevole. Le soluzioni concentrate forniscono un'efficace anestesia e analgesia intraoperatoria. Le soluzioni di anestetico locale diluito possono fornire un'anestesia sensoriale selettiva riducendo al minimo il blocco motorio dopo l'intervento chirurgico.

Se appropriato, alla soluzione di anestetico locale viene aggiunta epinefrina 1:200,000 o 1:400,000. L'epinefrina funge da marker dell'iniezione intravascolare e può limitare l'assorbimento sistemico dell'anestetico locale perineurale.

Ulteriori adiuvanti come clonidina e desametasone sono stati utilizzati per aumentare la durata e la qualità dell'analgesia.

Infusione Continua

Il blocco nervoso viene in genere mantenuto con un'infusione continua di anestetico locale diluito a lunga durata d'azione. I boli controllati dal paziente vengono spesso aggiunti all'infusione continua per aumentare l'analgesia. La soluzione di anestetico locale deve essere preparata in un ambiente pulito, ad esempio in una farmacia utilizzando un banco da lavoro a flusso laminare. Ridurre al minimo la contaminazione batterica è fondamentale per ridurre la probabilità di complicanze neurologiche infettive.

Consigli NYSORA

  • La pratica sicura dell'anestesia regionale richiede la disponibilità immediata di monitor, farmaci per la rianimazione e attrezzature, nonché un operatore sanitario che abbia familiarità con i protocolli ACLS.

SISTEMI AGO E CATETERE

Prospettiva storica

Il primo rapporto del CPNB è attribuito al lavoro di Ansbro del 1946 (Figura 1). Attaccò un ago smussato malleabile al tubo di iniezione e a una siringa. L'ago è stato posizionato alla cieca nell'area sopraclavicolare lateralmente alle pulsazioni dell'arteria succlavia e a circa 1 cm dalla cefalea al punto medio della clavicola. Un tappo di sughero da una lattina di etere è stato utilizzato per fissare l'ago in posizione. Iniezioni intermittenti di procaina sono state somministrate a 27 pazienti per prolungare la durata dell'anestesia intraoperatoria fino a 4 ore e 20 minuti.

Quasi un quarto di secolo dopo, DeKrey et al, Winnie e Selander riportarono blocchi continui perivascolari, interscalenici e ascellari del plesso brachiale succlavio (Figura 2), rispettivamente. In tutti i rapporti, gli autori hanno utilizzato un set di ago e cannula di tipo endovenoso. Il plesso brachiale è stato identificato con una tecnica di parestesia o pop fasciale, l'ago interno è stato rimosso e la cannula di plastica esterna è stata fatta avanzare in una posizione perineurale.

Sebbene questi primi resoconti riguardassero principalmente dispositivi "cannula sull'ago", le descrizioni successive includevano anche apparecchiature "catetere attraverso l'ago". Nella prima segnalazione di un blocco continuo degli arti inferiori, Brands e Callahan hanno eseguito blocchi continui del plesso lombare che sono durati da 72 a 96 ore per i pazienti che hanno subito fratture del collo del femore. Gli autori hanno utilizzato un ago calibro 18, lungo 15 cm e il metodo della perdita di resistenza per identificare il compartimento psoas del plesso lombare e successivamente hanno infilato un catetere epidurale attraverso l'ago.

L'identificazione di importanti caratteristiche neuroanatomiche è avvenuta in concomitanza con la descrizione di questi primi CPNB. Questa conoscenza è stata determinante per l'ulteriore comprensione dell'anatomia del plesso e per lo sviluppo di tecniche di anestesia regionale continua. Documenti storici sono stati pubblicati da Winnie, Thompson e Rorie che delineano l'esistenza di una guaina del plesso brachiale e suggeriscono il potenziale per l'anestesia continua del plesso. Tuominen et al. hanno fornito prove precoci della sicurezza delle infusioni continue di anestetico locale nel plesso quando hanno studiato i livelli ematici di bupivacaina durante l'infusione continua del plesso brachiale ascellare.

Riflettendo la popolarità delle tecniche di parestesia, pop fasciale e perdita di resistenza dagli anni '1970 all'inizio degli anni '1990, la maggior parte delle successive segnalazioni di CPNB prevedeva anche l'uso di aghi e cannula di tipo endovenoso (dispositivi cannula su ago ) così come aghi e cateteri di tipo epidurale (attrezzature catetere-aghi).

FIGURA 1. R: L'apparecchio è costituito da una siringa Luer lock da 10 ml e dalla valvola a due vie utilizzata nel metodo caudale continuo Hingson-Edwards. Il tubo può essere di qualsiasi lunghezza desiderata (18 pollici sono sufficienti). Viene utilizzato un ago malleabile (Becton-Dickinson & Company) che è stato limato fino all'estremità smussata per prevenire la perforazione dei vasi sanguigni. Un tappo di sughero da un etere può completare l'apparato. B: Apparecchio con ago attraverso il tappo, solitamente da 4 a 6 cm. C: Vista ravvicinata dell'ago smussato attraverso la protezione in sughero. Il tappo, posizionato a filo con la pelle nella zona sopraclavicolare, impedisce all'ago di entrare più in profondità. D: Ago in posizione nell'area sopraclavicolare. Il tappo impedisce lo spostamento verso l'interno e lo tiene in posizione verticale.

FIGURA 2. A, B: La cannula di Venflon. (Riprodotto con il permesso di Selander D: Tecnica del catetere nel blocco del plesso ascellare. Presentazione di un nuovo metodo. Acta Anaesthesiol Scand. 1977;21(4):324-329.)

Sviluppo di sistemi isolati

Alla fine degli anni '1970, nella letteratura sull'anestesia regionale è emersa la preoccupazione sul potenziale che gli aghi a smusso lungo e la tecnica di parestesia causassero complicazioni neurologiche. L'introduzione delle tecniche di stimolazione nervosa ha portato a un calo della popolarità dei metodi di parestesia, pop fasciale e perdita o resistenza a favore dell'identificazione delle strutture neurali mediante elettrolocalizzazione. Aghi non isolati a smusso corto potrebbero essere utilizzati con stimolatori nervosi; tuttavia, si è scoperto che gli aghi isolati forniscono un'uscita di corrente più focalizzata e di conseguenza una localizzazione più accurata delle strutture neurali. Quando le tecniche di stimolazione nervosa sono diventate un uso più diffuso negli anni '1990, sono diventati disponibili aghi per iniezione singola isolati in commercio, ma il design degli aghi e dei cateteri CPNB inizialmente non è riuscito a tenere il passo. Per molti anni, i professionisti dell'anestesia regionale hanno assemblato apparecchiature per accesso endovenoso, spinale ed epidurale per creare il proprio apparato CPNB isolato.

Numerosi rapporti hanno descritto il collegamento di un ago e una cannula per via endovenosa a una fonte di corrente per consentire la stimolazione nervosa. Ad esempio, Anker-Moller et al. hanno adattato un set di ago e cannula per via endovenosa calibro 14 (Viggo, Svezia) per fornire un blocco del nervo femorale continuo. Lo stimolatore nervoso è stato fissato all'interno del mozzo dell'ago di metallo. Il nervo femorale è stato identificato con l'assistenza di uno stimolatore nervoso, l'ago interno è stato rimosso ed è stato inserito un catetere epidurale calibro 16 (Portex, Regno Unito) attraverso la cannula endovenosa (Figura 3).

Ben-David et al. hanno inserito l'ago di metallo di un catetere endovenoso calibro 20 (Venflon, Viggo, Svezia) all'interno dell'estremità prossimale di un ago per pressione venosa centrale calibro 16 (Secalon, Viggo, Svezia). Hanno attaccato l'elettrodo negativo dello stimolatore nervoso all'ago metallico esposto del catetere endovenoso calibro 20 e hanno ottenuto una stimolazione adeguata durante il blocco del plesso lombare. La cannula venosa centrale sopra l'ago è stata quindi fatta avanzare oltre la punta dell'ago e utilizzata per il blocco continuo del plesso lombare (Figura 4).

Concepcion ha avvolto lo stiletto di un ago spinale calibro 26 attorno all'introduttore metallico di una tipica cannula endovenosa sopra l'ago. Una clip a coccodrillo è stata quindi fissata allo stiletto per consentire la stimolazione elettrica utilizzando uno stimolatore nervoso.

Prosser ha ideato un altro metodo per fornire la stimolazione nervosa durante i CPNB per i pazienti pediatrici. Questo autore ha collegato un elettrodo jack plug al mozzo di una cannula endovenosa (Abbocath-T Venisystems, Abbott, Irlanda) per stabilire un contatto elettrico tra lo stimolatore nervoso e l'ago metallico centrale del set endovenoso (Figura 5). Il teflon circostante®-guaina rivestita isolava tutto tranne la punta della cannula. Questo adattamento ha avuto successo con cateteri endovenosi calibro 20, 22 e 24 e di conseguenza era ideale per la popolazione pediatrica.

Avanzando ulteriormente l'anestesia regionale pediatrica, Tan et al hanno utilizzato un set di cateterizzazione dell'arteria radiale (#RA-04120; Arrow, Reading, PA) con una cannula calibro 20 su un ago calibro 22, a parete sottile, smussato corto per ascellare continuo blocco del plesso brachiale. Il set aveva un filo a molla integrale da 0.018 pollici che questo gruppo collegava tramite una clip a coccodrillo al polo negativo di uno stimolatore nervoso per consentire l'elettrolocalizzazione del plesso brachiale. Utilizzando una tecnica di Seldinger, il filo guida è stato quindi fatto avanzare e utilizzato per dirigere la cannula nella guaina del plesso brachiale.

FIGURA 3. A: Posizionamento della cannula per infusione. Stimolatore nervoso attaccato al trequarti (vista laterale). B: Il catetere viene inserito attraverso la cannula di infusione (vista laterale). (Riprodotto con il permesso di Anker-Møller E1, Spangsberg N, Dahl JB, et al: Blocco continuo del plesso lombare dopo chirurgia del ginocchio: un confronto tra le concentrazioni plasmatiche e l'effetto analgesico della bupivacaina 0.250% e 0.125%. Acta Anaesthesiol Scand. 1990 agosto;34(6):468-472.)

FIGURA 4. L'assemblaggio mostra un ago calibro 21 inserito nell'estremità prossimale del catetere a pressione venosa centrale calibro 16 Secalon (Viggo, Svezia). Il contatto metallico dell'ago più piccolo all'interno dell'ago più grande consente di trasmettere un impulso elettrico alla punta dell'ago Secalon. Una clip a coccodrillo dello stimolatore elettrico è attaccata all'asta dell'ago calibro 21. Il tubo di estensione endovenoso si inserisce nel mozzo dell'ago calibro 21. (Riprodotto con il permesso di Ben-David B1, Lee E, Croitoru M: Blocco Psoas per la riparazione chirurgica della frattura dell'anca: un caso clinico e descrizione di una tecnica di catetere. Anesth Analg. 1990 Sep;71(3):298-301. )

FIGURA 5. A: Elettrocatetere per stimolatore del nervo periferico dotato di (a) bottoni automatici standard e connettori jackplug; (b) connettori modificati, bottone a pressione sostituito con un secondo jackplug. B: Contatto elettrico tra la cannula metallica centrale dell'Abbocath e la presa jack originale dell'elettrocatetere. (Riprodotto con il permesso di Prosser DP: Adattamento di una cannula endovenosa per anestesia regionale pediatrica. Anestesia. 1996 May;51(5):510.)

Allo stesso modo, l'attrezzatura spinale ed epidurale è stata adattata per CPNB eseguiti con stimolatori nervosi. Diversi gruppi hanno posizionato una cannula endovenosa calibro 18 su un ago spinale calibro 22 per fornire isolamento alla parte distale dell'ago. Una fonte di corrente è stata quindi attaccata all'ago di metallo prossimale nudo e l'anestetico locale è stato iniettato all'identificazione delle strutture neurali. La cannula è stata quindi estratta dall'ago spinale nello spazio perineurale e utilizzata per l'infusione continua di anestetico locale per un massimo di 2 giorni.

In alternativa, sono stati utilizzati aghi spinali e microcateteri. I microcateteri spinali, tuttavia, erano di dimensioni così ridotte che l'iniezione era difficile ed erano inclini a piegarsi. Questa apparecchiatura è stata infine ritirata dal mercato a causa della neurotossicità associata all'anestesia spinale continua.

Sebbene questi modelli consentissero la stimolazione nervosa attraverso un ago isolato, esistevano ancora numerosi inconvenienti. Sono stati necessari molti passaggi tra l'identificazione del nervo e l'infilatura del catetere. Ciò ha aumentato il rischio di smarrimento del catetere e la probabilità di commettere una violazione della sterilità. Nonostante l'isolamento fornito da una cannula di tipo endovenoso su un ago di metallo, l'area non isolata della punta distale dell'ago era di dimensioni significative e poteva influire negativamente sull'accuratezza della posizione del nervo. Sfortunatamente, in questi sistemi autoassemblanti, la cannula raramente ha fornito una perfetta aderenza sull'ago. Inoltre, c'era una continua preoccupazione per il rischio di complicanze neurologiche da aghi di tipo endovenoso a smusso lungo. Infine, la forma della punta dell'ago non facilitava l'infilatura del catetere in direzioni diverse da quelle parallele al percorso dell'ago.

L'aumento degli sforzi nello sviluppo delle apparecchiature CPNB e l'introduzione della più sicura ropivacaina anestetico locale a lunga durata d'azione (Astra, Westborough, MA) negli anni '1990 hanno ulteriormente stimolato l'espansione delle tecniche CPNB.

I sistemi di cannula su ago disponibili in commercio sono stati sviluppati e commercializzati da varie aziende. B. Braun ha introdotto un set che consisteva in una cannula su un ago a smusso corto con un catetere di accompagnamento. Il vantaggio era che i componenti erano progettati per combaciare perfettamente (Figura 6). Sia Pajunk (Geisengen, Germania) che B. Braun hanno successivamente sviluppato sistemi che prevedevano un ago a smusso corto con un filo integrato per la stimolazione nervosa e con tubi di collegamento per aspirazione e iniezione simultanee (Figura 7). C'era un catetere di accompagnamento che poteva essere infilato attraverso la cannula. Alcuni produttori hanno offerto l'opzione di una punta dell'ago Sprotte o Facet e una varietà di dimensioni, alcune adatte ai pazienti pediatrici. Le prime apparecchiature Arrow prevedevano un ago a punta di proiettile per una maggiore sensazione di penetrazione fasciale e una riduzione teorica del danno neurologico (Figura 8).

Consigli NYSORA

  • Sono stati utilizzati aghi a blocco a smusso corto con la tecnica di parestesia per ridurre al minimo le lesioni nervose.
  • Gli aghi isolati vengono utilizzati con la stimolazione nervosa per localizzare il nervo o il plesso.
  • Il design degli aghi e dei cateteri CPNB inizialmente è rimasto indietro rispetto allo sviluppo di apparecchiature PNB a iniezione singola.

Moderni sistemi isolati

Il successivo progresso nello sviluppo di apparecchiature CPNB isolate ha riguardato i sistemi catetere-attraverso l'ago (cioè, Contiplex® Tuohy, B. Braun Medical, Bethlehem, PA e Plexolong®, Pajunk). Un ago di Tuohy è stato isolato lungo la sua lunghezza ad eccezione di un'area puntiforme nella sua punta più distale. Un filo stimolante è stato attaccato all'ago. I primi prototipi prevedevano un filo staccabile con una clip a coccodrillo su un'estremità e una spina per uno stimolatore nervoso all'altra estremità (Figura 9). Nei modelli successivi, il filo stimolatore è stato fissato in modo permanente all'ago di metallo (Figure 10 e 11). Questo filo fungeva anche da marcatore per la faccia aperta dello smusso dell'ago distalmente. Sono stati inclusi un catetere epidurale multiorifizio calibro 20 e un connettore. La punta distale curva dell'ago di Tuohy ha facilitato l'avanzamento del catetere parallelamente al nervo(i) in questione. Sono state prodotte varie lunghezze dell'ago, consentendo il CPNB di nervi di varie profondità. Sono state prodotte anche punte per aghi Sprotte e Facet per consentire l'infilatura del catetere con vari approcci angolari dell'ago.

Alcune apparecchiature CPNB (Contiplex Tuohy) incorporano un adattatore con una testa Luer lock e una valvola emostatica che può essere montata sull'estremità prossimale dell'ago (Figura 10). L'adattatore ha un diaframma centrale che consente il passaggio di un catetere attraverso una porta separata da quella in cui avvengono l'aspirazione e l'iniezione. Ciò elimina la necessità di scollegare l'apparecchiatura e riduce al minimo la probabilità di movimento dell'ago, spostamento del catetere e guasto del blocco secondario. Questo adattatore ha anche un braccio laterale collegato a un tubo di prolunga che consente l'aspirazione continua del sangue e l'iniezione della soluzione da parte di un assistente.

FIGURA 6. Kit per infusione del plesso brachiale utilizzato in questo studio (Contiplex®, B. Braun Australia Pty. Ltd.). La cannula di introduzione è calibro 18, con un catetere di 0.85 mm di diametro, che è avvitato nella guaina del plesso ascellare brachiale. L'ago all'interno della cannula è del tipo a smusso corto (30°). (Riprodotto con il permesso di Mezzatesta JP, Scott DA, Schweitzer SA, et al: Blocco del plesso brachiale ascellare continuo per sollievo dal dolore postoperatorio. Bolo intermittente contro infusione continua. Reg Anesth. 1997 Jul-Aug;22(4):357-362. )

 

FIGURA 7. A: Pajunk MiniSet® costituito da un design cannula sull'ago e cavo stimolante integrato e tubo di estensione. B: punta dell'ago distale a smusso corto e cannula Pajunk MiniSet. (Usato con il permesso di Pajunk, Geisengen, Germania.)

FIGURA 8. Catetere del plesso brachiale a scatto singolo o continuo a freccia. (Riprodotto con il permesso di Longo SR, Williams DP: Bilateral fascia iliaca catetere per il controllo del dolore postoperatorio dopo artroplastica totale bilaterale del ginocchio: un caso clinico e la descrizione di una tecnica di catetere. Reg Anesth. 1997 Jul-Aug;22(4):372- 377.)

I cateteri inizialmente fabbricati per uso epidurale sono stati adattati per CPNB. Sono adatti per questa applicazione in quanto non irritanti e flessibili e generano un attrito minimo durante il passaggio attraverso gli aghi. I contrassegni graduati forniscono un indicatore della profondità di inserimento e la radiopacità fornisce un metodo aggiuntivo per confermare la posizione del posizionamento. Alcuni sostengono l'uso di cateteri con stiletto, ritenendo che siano più facili da far avanzare; tuttavia, questi possono causare traumi maggiori ai tessuti o ai vasi sanguigni. I cateteri multiorifizio hanno una punta distale chiusa e tre aperture distali (0.5, 1.0 e 1.5 cm dalla punta). I cateteri a orifizio singolo hanno un'unica apertura all'estremità distale del catetere (Figura 12). I cateteri multiorifizio forniscono una migliore diffusione della soluzione di anestetico locale somministrata tramite bolo; di conseguenza, sono associati a una migliore analgesia rispetto ai cateteri a orifizio singolo.

Consigli NYSORA

L'attrezzatura per il blocco nervoso periferico continuo in genere include quanto segue:

  • Un ago isolato e di grosso diametro (ad es. punta Tuohy) con un filo integrato per consentire la stimolazione nervosa
  • Un catetere flessibile e atraumatico che viene infilato attraverso l'ago in una posizione perineurale
  • Tubo trasparente e flessibile che può essere collegato all'ago o al catetere per l'iniezione e l'aspirazione

FIGURA 9. Un sistema Tuohy isolato calibro 18 (Braun, Contiplex®, B. Braun Medical, Bethlehem, PA). Il riquadro mostra una testa Luer Lock con diaframma centrale all'estremità prossimale dell'ago. (Riprodotto con il permesso di Klein SM, Grant SA, Greengrass RA, et al. Blocco del plesso brachiale interscalenico con un sistema di inserimento del catetere continuo e una pompa per infusione monouso. Anesthesia & Analgesia. Dec 2000;91(6):1473-1478.)

FIGURA 10. Il Contiplex® Tuohy (B. Braun, Melsungen AG, Germania) è costituito da un ago Tuohy isolato con una punta non isolata, un filo stimolante integrato, un tubo di estensione e un connettore con una valvola emostatica che consente l'inserimento di un catetere. Questo design consente la stimolazione nervosa, l'aspirazione e l'iniezione simultanee e consente un ago immobile durante l'inserimento del catetere. (Usato con il permesso di Holly Evans, MD.)

 

FIGURA 11. R: Il sistema Plexolong® (Pajunk, Geisengen, Germania) incorpora un ago isolato, un filo stimolante integrato e un tubo di prolunga. B: La punta di Plexolong Tuohy. C: La punta Plexolong Sprotte. D: La punta della sfaccettatura Plexolong (o smussata corta). E: Il catetere Plexolong con dispositivo thread-assist. (Usato con il permesso di Pajunk, Geisengen, Germania.)

 

Cateteri stimolanti

I cateteri stimolanti forniscono la capacità di condurre la corrente alla loro estremità distale. Sono stati sviluppati come strumento per valutare la vicinanza della punta distale del catetere alle strutture neurali e nel tentativo di ridurre la probabilità di fallimento del blocco secondario. In uno dei primi rapporti pubblicati, Sutherland ha utilizzato un catetere ureterale del diametro esterno di 1.0 mm (Portex-Boots, Kent, Regno Unito) con uno stiletto di metallo. Questo autore ha adattato il catetere rimuovendo 50 mm dalla sua punta distale e reinfilando lo stiletto di metallo in modo che sporgesse appena dall'estremità distale (Figura 12). La parte prossimale dello stiletto è stata ripiegata sull'estremità prossimale del catetere per mantenere la lunghezza corretta e per facilitare una connessione elettrica allo stimolatore nervoso. Questa attrezzatura è stata utilizzata con successo per il blocco del nervo sciatico continuo dopo un intervento chirurgico al piede.

Boezaart et al hanno successivamente descritto il loro adattamento di un catetere epidurale rinforzato con filo metallico per l'uso come catetere stimolante. Hanno usato un poliuretano (Tecothane®) catetere termoplastico con un rinforzo interno a molla in acciaio e uno stiletto in acciaio inossidabile non ferromagnetico (Arrow Theracath®) e rimosso parte del catetere esterno per fornire una punta metallica sguainata di 5 mm. Questi autori hanno descritto la rimozione dello stiletto interno da un ago Tuohy calibro 17 non isolato e l'avanzamento del catetere epidurale attraverso l'ago in modo tale che la punta metallica del catetere non entrasse in contatto con l'ago metallico. Ciò ha consentito efficacemente l'elettrolocalizzazione durante il posizionamento dell'ago e del catetere per il blocco continuo del plesso brachiale interscalenico. Una modifica successiva ha comportato l'aggiunta di un ago isolato con uno stiletto metallico interno al set (StimuCath®, Freccia Internazionale). Ulteriori revisioni hanno portato all'aggiunta di una clip a coccodrillo per consentire il collegamento diretto a uno stimolatore nervoso (Figura 13) e, più recentemente, l'aggiunta di un filo stimolante integrato attaccato all'ago.

Sebbene questo catetere stimolante fosse un progresso significativo, esistevano diverse limitazioni. Lo smusso dell'ago era più affilato rispetto alle apparecchiature di altri produttori ed era associato alla preoccupazione per le lesioni neurali. L'opacità dei cateteri blu calibro 20 e bianco calibro 19 ha reso difficile l'identificazione del sangue aspirato. Il segmento relativamente grande non isolato sulla punta distale dell'ago potrebbe ridurre l'accuratezza dell'identificazione del nervo. E c'era il rischio che l'area del filo esposto sulla punta distale del catetere potesse srotolarsi in vivo se tagliata o traumatizzata.

Nel tentativo di affrontare alcune di queste carenze, Kick et al hanno sviluppato un altro catetere stimolante (Stimulong® Catetere Set, Pajunk) e ha riportato la sua affidabilità in una serie di 10 blocchi del plesso brachiale sopraclavicolare (Figure 14A e 14B). Consisteva in un catetere in poliammide calibro 20, a foro singolo, da 400 mm con uno stiletto conduttore rimovibile a permanenza da 405 mm. Il mandrino di filo metallico è stato isolato con rivestimento in teflon lungo la sua lunghezza ad eccezione dello 0.3 mm distale. L'estremità prossimale aveva un tappo per consentire il collegamento a uno stimolatore nervoso. La successiva modifica ha comportato l'incorporazione di un filo integrato all'interno del catetere (Stimulong Plus®, Pajunk) (Figura 15).

FIGURA 12. Un catetere multiorifizio a punta chiusa (in alto) e un catetere a punta aperta con orifizio singolo (in basso). (Usato con il permesso di Holly Evans, MD.)

FIGURA 13. Catetere accorciato con uno stiletto che sporge appena dall'estremità distale (riquadro) e ripiegato per mantenere la posizione all'estremità prossimale. Il collegamento elettrico viene effettuato facendo scorrere un tubo metallico ben aderente sull'estremità prossimale del catetere. (Riprodotto con il permesso di Sutherland ID: infusione continua del nervo sciatico: caso esteso che descrive un nuovo approccio. Reg Anesth Pain Med. 1998 settembre-ottobre;23(5):496-501.)

 

FIGURA 14. A: Il catetere stimolante con filo integrato, Stimulong Plus® (Pajunk, Geisengen, Germania), è mostrato con il suo connettore a vite. Il connettore accetta un cavo elettrico e un tubo di prolunga. B: La punta del catetere stimolante Stimulong Plus è mostrata con la sua punta dorata conduttiva. (Usato con il permesso di Pajunk, Geisengen, Germania.)

FIGURA 15. A: Una clip a coccodrillo si collega a un segmento non isolato sullo stelo prossimale dell'ago del sistema StimuCath® (Arrow International, Reading, PA). B: Il sistema StimuCath è costituito da un ago con punta Tuohy isolato, un catetere stimolante e un connettore a clip a coccodrillo. C: La clip a coccodrillo viene rimossa dall'ago e fissata all'estremità prossimale del catetere. Ciò fornisce un'uscita di corrente alla punta distale del catetere. D: La punta dell'ago di Tuohy con un segmento non isolato lungo 5 mm è visibile con la punta distale del catetere stimolante StimuCath. (Usato con il permesso di Holly Evans, MD.)

I cateteri stimolanti sono stati confrontati con i cateteri non stimolanti per CPNB. Un catetere stimolante è associato a un minor consumo di anestetico locale ea una ridotta richiesta di analgesia aggiuntiva con oppioidi; tuttavia, potrebbe essere tecnicamente più difficile da posizionare sotto la guida ecografica.

Consigli NYSORA

  • Un catetere stimolante può confermare la posizione perineurale e può ridurre la necessità di analgesia supplementare.

Sistemi ecogeni

L'uso degli ultrasuoni per assistere nel posizionamento dei CPNB è ora di routine. Di conseguenza, molti produttori hanno incorporato caratteristiche ecogene nelle loro apparecchiature CPNB. B. Braun incorpora riflettori laser nell'ago della loro serie Contiplex Ultra. I cateteri Pajunk sono rinforzati con filo metallico e contengono strisce di radiocontrasto all'estremità distale.

Consigli NYSORA

  • Aghi e cateteri ecogeni migliorano la visualizzazione delle apparecchiature inserite sotto guida ecografica.

SISTEMI DI LOCALIZZAZIONE DEI NERVI

Stimolatore nervoso

Gli stimolatori nervosi generano una corrente elettrica che passa attraverso la punta di un ago isolato o un catetere stimolante per stimolare un nervo/plesso. Si cerca una contrazione motoria appropriata per il nervo in questione. I limiti di questa tecnica devono essere apprezzati. Gli studi sui blocchi nervosi eseguiti sia con la stimolazione nervosa che con la guida ecografica hanno dimostrato che la punta di un ago può entrare in contatto con un nervo senza provocare una contrazione motoria. Inoltre, la punta dell'ago può trovarsi all'interno di un nervo anche quando non vi è alcuna contrazione del motore a una corrente relativamente bassa.

Ultrasuono

L'anatomia neurale e perineurale può essere visualizzata con l'imaging a ultrasuoni. Si possono vedere varianti anatomiche. È possibile stimare la posizione precisa e la profondità delle strutture neurali. Le strutture e la vascolarizzazione circostanti possono essere identificate ed evitate. Un'immagine dell'ago del blocco nervoso, del catetere e dell'iniezione di anestetico locale può essere vista in relazione al nervo/plesso in tempo reale. Sebbene associati alla necessità di ulteriore formazione dell'operatore e maggiori spese per le apparecchiature, i potenziali vantaggi degli ultrasuoni includono un maggiore successo del blocco e una riduzione delle complicazioni. Ulteriori dettagli sono forniti nei relativi capitoli.

Sistema di posizionamento globale (Ultrasonix)

Una delle più recenti tecniche di localizzazione dei nervi prevede l'uso di un sistema di posizionamento globale (ad esempio, SonixGPS, Ultrasonix, Richmond, BC, Canada). Sia l'ago che la sonda a ultrasuoni contengono sensori. Di conseguenza, lo schermo dell'ecografia visualizza la traiettoria prevista dell'ago e la posizione in cui l'ago si intersecherà con il fascio di ultrasuoni.

Altro: Fluoroscopia, Parestesie, Click fasciale

Ci sono ulteriori tecniche di localizzazione del nervo. La fluoroscopia utilizza l'imaging a raggi X continui per localizzare una struttura ossea vicina. Quando appropriato, l'iniezione di colorante di contrasto può essere utilizzata per delineare la posizione delle strutture perineurali.

La tecnica di parestesia prevede l'avanzamento dell'ago del blocco nervoso per contattare un nervo/plesso. Sebbene possa risultare una parestesia sensoriale, non è garantita. Di conseguenza, la tecnica di parestesia può essere imprecisa e potenzialmente dannosa.

La tecnica del clic fasciale comporta una sensazione tattile di "pop" quando un ago del blocco nervoso penetra negli strati fasciali. Sebbene questa tecnica possa essere utilizzata per blocchi di campo (ad esempio, fascia iliaca), la sua precisione per la localizzazione del nervo è limitata.

Consigli NYSORA

  • La stimolazione nervosa può aiutare con l'identificazione delle strutture neurali; tuttavia, esistono limitazioni.
  • La guida ecografica consente l'identificazione di importanti strutture neurali e perineurali e consente la conferma di un'adeguata iniezione perineurale di soluto.

CONSIDERAZIONI POSTBLOCCO

Sistemi di fissaggio del catetere

Una delle eziologie più comuni del fallimento secondario del CPNB riguarda lo spostamento del catetere. Varie tecniche possono essere utilizzate per ridurre la possibilità di spostamento del catetere. Il tunneling sottocutaneo del catetere può essere utilizzato in posizioni adeguate. Un adesivo liquido può essere applicato dove il catetere esce dalla pelle e sotto la medicazione occlusiva trasparente. Esistono medicazioni adesive specificamente progettate per fissare un catetere alla pelle (ad es. Epi-Guard, Copenhagen MedLab, Glostrup, Danimarca).

Pompe di infusione

La pompa per infusione selezionata deve essere affidabile e precisa. Deve contenere un volume appropriato di soluzione di anestetico locale per la durata prevista dell'infusione. La pompa deve essere regolabile e avere la capacità di fornire un'infusione continua così come boli controllati dal paziente a intervalli di tempo specifici. Queste caratteristiche consentono di adattare il CPNB alle mutevoli esigenze dei pazienti.

Le pompe per infusione perineurali ambulatoriali devono essere affidabili, precise e di dimensioni compatte. Sono disponibili pompe elettroniche o elastomeriche per uso ambulatoriale. Alcuni sono usa e getta, mentre altri sono riutilizzabili e devono essere restituiti dal paziente all'ospedale.

Follow-up del paziente

I pazienti con cateteri perineurali devono essere seguiti quotidianamente. Il sito del catetere viene ispezionato per verificarne la pulizia, l'integrità e il possibile spostamento. Il sito del catetere viene valutato per segni di infezione, come arrossamento, calore o secrezione purulenta. Viene valutata l'adeguatezza dell'analgesia e vengono apportate modifiche al piano di gestione del dolore. Il paziente viene istruito sulla cura dell'estremità intorpidita e sulle strategie di prevenzione delle cadute, se applicabili. Si cercano sintomi di tossicità da anestetico locale. La funzione della pompa viene rivista.

Cateteri perineurali ambulatoriali

I pazienti ambulatoriali vengono quotidianamente contattati telefonicamente, momento in cui viene eseguito il follow-up delineato in precedenza. La procedura per la rimozione del catetere viene discussa ed eseguita dal paziente e dal caregiver del paziente a casa. Le pompe monouso vengono gettate nella spazzatura, mentre le pompe non monouso vengono restituite di persona o spedite all'ospedale.

Consigli NYSORA

  • La sicurezza e l'efficacia dei CPNB si basano sul fissaggio adeguato del catetere per prevenire lo spostamento, un follow-up appropriato da parte di un operatore sanitario esperto e un'adeguata educazione del paziente in merito alla cura dell'estremità intorpidita, alle potenziali complicanze e alla funzione della pompa dell'anestetico locale.

CONCLUSIONE

Questo capitolo mette in evidenza l'attrezzatura necessaria per un'infusione perineurale sicura ed efficace di soluzioni di anestetico locale. Lo sviluppo di sistemi specializzati di ago e catetere per questo scopo è stato inizialmente lento; tuttavia, i sistemi attualmente disponibili sono affidabili e applicabili alla maggior parte delle situazioni cliniche. Quando si considerano i deterrenti all'adozione più diffusa dei CPNB, in passato è stata spesso citata la mancanza di formazione degli operatori. Attualmente sono disponibili numerose opportunità di apprendimento, inclusi corsi pratici, precettori, realtà virtuale e formazione sulla simulazione. C'è stato anche un miglioramento nella formazione di pazienti e chirurghi per quanto riguarda i potenziali benefici dei CPNB. Tuttavia, persiste qualche preoccupazione sui potenziali effetti collaterali, tra cui lesioni ai nervi e cadute. Sebbene la ricerca in corso abbia migliorato la nostra comprensione del meccanismo della lesione nervosa correlata all'anestesia regionale, sono necessarie ulteriori informazioni. Altri fattori che limitano l'applicazione clinica dei CPNB possono essere istituzionali e dovrebbero essere affrontati a livello locale. Questi includono la pressione del tempo nelle sale operatorie occupate, la mancanza di assistenti qualificati per le prestazioni in blocco, la mancanza di fondi per le attrezzature o la mancanza di supporto per l'assistenza postoperatoria.

RIFERIMENTI

  • Serpell MG, Millar FA, Thomson MF: confronto del blocco del plesso lombare rispetto all'analgesia oppioide convenzionale dopo la sostituzione totale del ginocchio. Anestesia 1991;46(4):275–277.
  • Edwards ND, Wright EM: blocco nervoso 3-in-1 a basso dosaggio continuo per alleviare il dolore postoperatorio dopo la sostituzione totale del ginocchio. Anesth Analg 1992;75(2):265–267.
  • Matheny JM, Hanks GA, Rung GW, Blanda JB, Kalenak A: un confronto tra analgesia controllata dal paziente e blocco del plesso lombare continuo dopo la ricostruzione del legamento crociato anteriore. Artroscopia 1993;9(1):87–90.
  • Borgeat A, Schappi B, Biasca N, Gerber C: Analgesia controllata dal paziente dopo un intervento chirurgico importante alla spalla: analgesia interscalenica controllata dal paziente rispetto all'analgesia controllata dal paziente. Anestesiologia 1997;87(6):1343–1347.
  • Singelyn FJ, Aye F, Gouverneur JM: Blocco del nervo sciatico popliteo continuo: una tecnica originale per fornire analgesia postoperatoria dopo un intervento chirurgico al piede. Anesth Analg 1997;84(2):383–386.
  • Borgeat A, Tewes E, Biasca N, Gerber C: Analgesia interscalenica controllata dal paziente con ropivacaina dopo un intervento chirurgico importante alla spalla: PCA vs PCA. Fr. J Anaesth 1998;81(4):603–605.
  • Singelyn FJ, Deyaert M, Joris D, Pendeville E, Gouverneur JM. Effetti dell'analgesia endovenosa controllata dal paziente con morfina, analgesia epidurale continua e blocco continuo tre in uno sul dolore postoperatorio e sulla riabilitazione del ginocchio dopo artroplastica totale unilaterale di ginocchio. Anesth Analg 1998;87(1):88–92.
  • Capdevila X, Barthelet Y, Biboulet P, Ryckwaert Y, Rubenovitch J, d'Athis F. Effetti della tecnica analgesica perioperatoria sull'esito chirurgico e sulla durata della riabilitazione dopo un intervento chirurgico importante al ginocchio. Anestesiologia 1999;91(1):8–15.
  • Lehtipalo S, Koskinen LO, Johansson G, Kolmodin J, Biber B. Blocco continuo del plesso brachiale interscalenico per l'analgesia postoperatoria dopo un intervento chirurgico alla spalla. Acta Anaesthesiol Scand 1999;43(3):258–264.
  • Chelly JE, Greger J, Gebhard R, et al. I blocchi femorali continui migliorano il recupero e l'esito dei pazienti sottoposti ad artroplastica totale di ginocchio. J Artroplastica 2001;16(4):436–445.
  • White PF, Issioui T, Skrivanek GD, Early JS, Wakefield C: L'uso di un blocco del nervo sciatico popliteo continuo dopo un intervento chirurgico che coinvolge il piede e la caviglia: migliora la qualità del recupero? Anesth Analg 2003;97(5):1303–1309.
  • Matthews PJ, Govenden V: Confronto tra infusioni paravertebrali ed extradurali continue di bupivacaina per alleviare il dolore dopo toracotomia. Fr. J Anaesth 1989;62(2):204–205.
  • Schultz P, Anker-Moller E, Dahl JB, Christensen EF, Spangsberg N, Fauno P: Trattamento del dolore postoperatorio dopo chirurgia a cielo aperto: blocco del plesso lombare continuo con bupivacaina rispetto alla morfina epidurale. Reg Anesth 1991;16(1):34–37.
  • Turker G, Uckunkaya N, Yavascaoglu B, Yilmazlar A, Ozcelik S: confronto tra il blocco compartimento psoas con tecnica del catetere e il blocco epidurale per l'analgesia nella chirurgia di sostituzione parziale dell'anca. Acta Anaesthesiol Scand 2003;47(1):30–36.
  • Nielsen KC, Greengrass RA, Pietrobon R, Klein SM, Steele SM: il blocco continuo del plesso brachiale interscalenico fornisce una buona analgesia a casa dopo un importante intervento chirurgico alla spalla-report di quattro casi. Can J Anaesth 2003;50(1):57–61.
  • Zaric D, Boysen K, Christiansen J, Haastrup U, Kofoed H, Rawal N:. Blocco continuo del nervo sciatico popliteo per chirurgia ambulatoriale del piede: uno studio randomizzato e controllato. Acta Anaesthesiol Scand 2004;48(3):337–341.
  • Buettner J, Klose R, Hoppe U, Wresch P: Livelli sierici di mepivacaina-HCl durante il blocco del plesso brachiale ascellare continuo. Reg Anesth 1989;14(3):124–127.
  • van den Berg B, Berger A, van den Berg E, Zenz M, Brehmeier G, Tizian C: anestesia continua del plesso per migliorare la circolazione negli interventi microvascolari periferici. Handchir Mikrochir Plast Chir 1983;15(2):101–104.
  • Camprubi Sociats I, Garcia Huete L, Sabate Pes A, Bartolome Sarvise C, Cochs Cristia J. Uso del blocco perivascolare ascellare del plesso brachiale con un catetere come trattamento nell'iniezione intra-arteriosa accidentale di farmaci. Rev. Esp Anestesiol Reanim 1989;36(3):167–170.
  • Haynsworth RF, Heavner JE, Racz GB: blocco continuo del plesso brachiale utilizzando un catetere ascellare per il trattamento di iniezioni intra-arteriose accidentali. Reg Anaesth 1985;10:187.
  • Berger JL, Nimier M, Desmonts JM: blocco continuo del plesso ascellare nel trattamento dell'iniezione intraarteriosa accidentale di cocaina. N Inglese J Med 1988;318(14):930.
  • Aguilar JL, Domingo V, Samper D, Roca G, Vidal F: Anestesia a lungo termine del plesso brachiale mediante un sistema di iniezione sottocutanea impiantabile. Caso clinico. Reg Anesth 1995;20(3):242–245.
  • Fischer HB, Peters TM, Fleming IM, Else TA: cateterizzazione del nervo periferico nella gestione del dolore da cancro terminale. Reg Anesth 1996;21(5):482–485.
  • Smith BE, Fischer HB, Scott PV. Blocco continuo del nervo sciatico. Anestesia 1984;39(2):155–157.
  • Ansbro FP: Un metodo di blocco continuo del plesso brachiale. Am J Surg 1946;71:716–722.
  • DeKrey JA, Schroeder CF, Buechel DR: blocco continuo del plesso brachiale. Anestesiologia 1969;30(3):332.
  • Winnie AP: blocco del plesso brachiale interscalenico. Anesth Analg 1970;49(3):455–466.
  • Selander D: Tecnica del catetere nel blocco del plesso ascellare. Presentazione di un nuovo metodo. Acta Anaesthesiol Scand 1977;21(4):324–329.
  • Marche E, Callanan VI: blocco continuo del plesso lombare-analgesia per fratture del collo del femore. Terapia intensiva di Anaesth 1978;6(3):256–258.
  • Thompson GE, Rorie DK: Anatomia funzionale delle guaine del plesso brachiale. Anestesiologia 1983;59(2):117–122.
  • Tuominen M, Rosenberg PH, Kalso E: Livelli ematici di bupivacaina dopo dose singola, dose supplementare e durante infusione continua nel blocco del plesso ascellare. Acta Anaesthesiol Scand 1983;27(4):303–306.
  • Manriquez RG, Pallares V: blocco continuo del plesso brachiale per simpatectomia prolungata e controllo del dolore. Anesth Analg 1978;57(1):128–130.
  • Economacos G, Skountzos V: Blocco nervoso dei nervi sciatico e femorale. Blocco continuo con catetere venoso su 44 pazienti. Acta Anaesthesiol Belg 1980;31 Suppl:223–228.
  • Vatashsky E, Aronson HB: blocco continuo del plesso brachiale interscalenico per operazioni chirurgiche sulla mano. Anestesiologia 1980;53(4):356.
  • Sada T, Kobayashi T, Murakami S: blocco del plesso brachiale ascellare continuo. Can Anaesth Soc J 1983;30(2):201–205.
  • Neimkin RJ, May JW Jr, Roberts J, Sunder N: blocco ascellare continuo attraverso un catetere in teflon a permanenza. J Hand Surg Am 1984;9(6):830–833.
  • Conacher ID, Kokri M. Blocchi paravertebrali postoperatori per chirurgia toracica. Una valutazione radiologica. Fr. J Anaesth 1987;59(2):155–161.
  • Lonnqvist PA: blocco paravertebrale continuo nei bambini. Esperienza iniziale. Anestesia 1992;47(7):607–609.
  • Vaghadia H, Kapnoudhis P, Jenkins LC, Taylor D: blocco lombosacrale continuo utilizzando una tecnica con ago e catetere Tuohy. Can J Anaesth 1992;39(1):75–78.
  • Chan V, Ferrante FM: Blocco paravertebrale toracico continuo. In Ferrante FM, VadeBoncoeur TR (a cura di): Gestione del dolore postoperatorio. Churchill Livingstone, 1993: 403–414.
  • Selander D, Dhuner KG, Lundborg G: danno del nervo periferico dovuto ad aghi per iniezione utilizzati per l'anestesia regionale. Uno studio sperimentale sugli effetti acuti del trauma da ago. Acta Anaesthesiol Scand 1977;21(3):182–188.
  • Selander D, Edshage S, Wolff T: parestesie o nessuna parestesia? Lesioni nervose dopo blocchi ascellari. Acta Anaesthesiol Scand 1979;23(1):27–33.
  • Montgomery SJ, Raj PP, Nettles D, Jenkins MT: L'uso dello stimolatore nervoso con aghi sfoderati standard nel blocco nervoso. Anesth Analg 1973;52(5):827–831.
  • Ford DJ, Pither C, Raj PP: Confronto di aghi isolati e non isolati per localizzare i nervi periferici con uno stimolatore nervoso periferico. Anesth Analg 1984;63(10):925–928.
  • Anker-Moller E, Spangsberg N, Dahl JB, Christensen EF, Schultz P, Carlsson P: Blocco continuo del plesso lombare dopo un intervento chirurgico al ginocchio: un confronto tra le concentrazioni plasmatiche e l'effetto analgesico della bupivacaina 0.25% e 0.125%. Acta Anaesthesiol Scand 1990;34(6):468–472.
  • Ben-David B, Lee E, Croitoru M: Blocco Psoas per la riparazione chirurgica della frattura dell'anca: un caso clinico e una descrizione di una tecnica di catetere. Anesth Analg 1990;71(3):298–301.
  • Concezione M: Tecniche del plesso brachiale continuo. In Ferrante FM, VadeBoncoeur TR (a cura di): Gestione del dolore postoperatorio. Churchill Livingstone, 1993: 359–402.
  • Prosser DP: Adattamento di una cannula endovenosa per l'anestesia regionale pediatrica. Anestesia 1996;51(5):510.
  • Tan TS, Watcha MF, Safavi F, McCulloch D, Payne CT, Tuefel A: Incannulazione della guaina brachiale ascellare nei bambini. Anesth Analg 1995;80(3):640–641.
  • Rosenblatt R, Pepitone-Rockwell F, McKillop MJ: analgesia ascellare continua per lesioni traumatiche alla mano. Anestesiologia 1979;51(6):565–566.
  • Steele SM, Klein SM, D'Ercole FJ, Greengrass RA, Gleason D: un nuovo sistema di erogazione con catetere continuo. Anesth Analg 1998;87(1):228.
  • Fredrickson MJ, Ball CM, Dalgleish AJ: La configurazione dell'orifizio del catetere influenza l'efficacia del blocco nervoso periferico continuo. Reg Anesth Antidolorifico 2011;36(5):470–475.
  • Sutherland ID: Infusione continua del nervo sciatico: caso clinico esteso che descrive un nuovo approccio. Reg Anesth Pain Med 1998;23(5):496–501.
  • Boezaart AP, de Beer JF, du Toit C, van Rooyen K: una nuova tecnica di blocco nervoso interscalenico continuo. Can J Anaesth 1999;46(3):275–281.
  • Boezaart AP, De Beer JF, Nell ML: Esperienza precoce con blocco paravertebrale cervicale continuo utilizzando un catetere stimolante. Reg Anesth Pain Med 2003;28(5):406–413.
  • Borene SC, Rosenquist RW, Koorn R, Haider N, Boezaart AP: un'indicazione per il blocco paravertebrale cervicale continuo (approccio posteriore allo spazio interscaleno). Anesth Analg 2003;97(3):898–900.
  • Kick O, Blanche E, Pham-Dang C, Pinaud M, Estebe JP: un nuovo stiletto stimolante per il controllo immediato della posizione della punta del catetere nei blocchi nervosi periferici continui. Anesth Analg 1999;89(2):533–534.
  • Pham-Dang C, Kick O, Collet T, Gouin F, Pinaud M: blocchi nervosi periferici continui con cateteri stimolanti. Reg Anesth Pain Med 2003;28(2):83–88.
  • Casati A, Fanelli G, Koscielniak-Nielsen Z, et al: L'uso di cateteri stimolanti per il blocco del nervo sciatico continuo riduce il tempo di insorgenza del blocco chirurgico e riduce al minimo il consumo postoperatorio di farmaci antidolorifici dopo la riparazione dell'alluce valgo rispetto ai cateteri non stimolanti convenzionali. Anesth Analg 2005;101(4):1192–1197.
  • de Tran QH, Munoz L, Russo G, Finlayson RJ: Ultrasonography e stimolando cateteri perineurali per blocchi nervosi: una revisione delle prove. Can J Anaesth 2008;55(7):447–457.
  • Morin AM, Kranke P, Wulf H, Stienstra R, Eberhart LH: L'effetto delle tecniche di catetere stimolanti rispetto a quelle non stimolanti per l'anestesia regionale continua: una revisione sistematica semiquantitativa. Reg Anesth Pain Med 2010;35(2):194–199.
  • Mariano ER, Loland VJ, Sandhu NS, et al: Efficacia comparativa dei cateteri perineurali popliteo-sciatici ecoguidati e stimolanti per l'analgesia postoperatoria. Can J Anaesth 2010;57(10):919–926.
  • Gandhi K, Lindenmuth DM, Hadzic A, et al: L'effetto della stimolazione rispetto ai cateteri perineurali convenzionali sull'analgesia postoperatoria dopo la localizzazione del nervo femorale ecoguidata. J Clin Anesth 2011;23(8):626–631.
  • Robards C, Hadzic A, Somasundaram L, et al: Iniezione intraneurale con stimolazione a bassa corrente durante il blocco del nervo sciatico popliteo. Anesth Analg 2009;109(2):673–677.