Controllo delle infezioni in anestesia regionale - NYSORA | NYSORA

Controllo delle infezioni in anestesia regionale

Sebastian Schulz-Stübner, Jean M. Pottinger, Stacy A. Coffin e Loreen A. Herwaldt

INTRODUZIONE

Le complicanze infettive legate all'anestesia regionale sono rare. Poiché la maggior parte delle informazioni è disponibile nei case report e nei sondaggi retrospettivi, è probabile che queste complicazioni siano sottostimate. Si spera che i recenti progetti di sorveglianza e di registro prospettico che utilizzano definizioni di sorveglianza standardizzate e l'integrazione di tali nei progetti nazionali di assicurazione della qualità (American Society of Regional Anesthesia [ASRA] Acute-POP/AQI) genereranno dati più completi per la valutazione del rischio e la valutazione di raccomandazioni per il controllo delle infezioni in futuro. L'integrazione di uno strumento di sorveglianza strutturato nella cartella clinica elettronica e nel sistema di gestione della qualità di un ospedale alleggerirà il carico di lavoro per i medici e faciliterà la conformità alla sorveglianza (Tabella 1).

Mentre dobbiamo lavorare sulla riduzione delle complicanze infettive associate all'anestesia regionale a causa delle potenziali gravi conseguenze individuali, alcuni studi dimostrano una riduzione delle infezioni del sito chirurgico con l'uso dell'anestesia locale, aprendo l'arena della ricerca per quanto riguarda l'evitare l'anestesia generale, proprietà degli anestetici locali, o una combinazione di entrambi è responsabile di questa osservazione.

L'obiettivo di questo capitolo è riassumere le informazioni dalla letteratura sulle complicanze delle infezioni associate all'anestesia regionale, nonché discutere il meccanismo e suggerire strategie per prevenire queste complicanze.

PATOGENESI DELLE INFEZIONI ASSOCIATE AL BLOCCO NEURASSIALE CENTRALE

I microrganismi provenienti da fonti esogene o endogene possono accedere allo spazio subaracnoideo, epidurale o tissutale che circonda i nervi periferici in diversi modi. I microrganismi della flora del paziente o dell'anestesista possono essere inoculati direttamente quando un catetere o un ago viene inserito in quegli spazi. Diversi rapporti in letteratura hanno suggerito che le infezioni sono occasionalmente causate dalla flora dell'anestesista. Ad esempio, Trautmann e colleghi hanno riportato un caso di meningite causata da un ceppo di Staphylococcus aureus che era identico mediante elettroforesi su gel a campo pulsato allo S. aureus isolato dal naso dell'anestesista. Rubin et al potrebbero risalire a un singolo anestesista Streptococcus salivarius come agente responsabile di sei casi di meningite in seguito ad anestesia spinale e i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) hanno segnalato cinque casi in Ohio e un caso a New York tra il 2008 e il 2009 con gli stessi organismi.

I microrganismi possono entrare nello spazio epidurale anche per diffusione ematogena da altri siti del corpo, come la pelle infetta, o migrando lungo il tratto del catetere. Diversi case report hanno suggerito che l'infezione fosse causata dalla diffusione di batteri dai siti infetti attraverso il flusso sanguigno allo spazio epidurale. Altri hanno affermato che le infezioni ai siti distali non sono controindicazioni all'anestesia epidurale. Ad esempio, Newman ha concluso che le infezioni distali non aumentavano il rischio di infezione epidurale perché le lesioni traumatiche sono spesso infette e non sono state identificate infezioni correlate al catetere epidurale tra oltre 3000 pazienti che avevano blocchi neurali epidurali per analgesia postoperatoria o post-traumatica. Gritsenko e colleghi hanno analizzato le cartelle di 474 pazienti che hanno subito la rimozione di una protesi infetta dell'anca o del ginocchio in anestesia neuroassiale e hanno riscontrato nello 0.6% dei casi segni clinici di infezioni neuroassiali centrali (meningite o ascesso epidurale) e altre tre complicanze correlate all'anestesia, compreso un ascesso di psoas accanto a un ematoma epidurale e mal di schiena.

TABELLA 1. Definizioni delle complicanze del sistema di sorveglianza dell'anestesia regionale.

 R: Criteri essenzialiB: Criteri contributivi
Infezione epidurale
EI1: Infezione superficiale dei tessuti molli
2 Criteri A e B necessari
Gonfiore
Tenerezza locale
Febbre (>38.0°C)
Drenaggio
Cultura positiva della zona
Leucocitosi (>12/nL o PCR > 20 mg/L)
Eritema locale
EI2: Ascesso epidurale
Sono necessari i criteri 1 A e 3 B
Evidenza radiologica di una massa nello spazio epidurale compatibile con un ascesso epidurale entro 30 giorni dopo il posizionamento epidurale/dell'ago spinale/catetere/rimozione del catetere o il tentativo di posizionamento epidurale/spinaleFebbre (>38.0°C)
Drenaggio
Cultura positiva da esplorazione chirurgica o puntura
Leucocitosi (12/nL o PCR > 20 mg/L)
Eritema locale
Tenerezza locale
Mal di schiena focale
Deficit neurologicoa
EI2NaCome sopra: classificato come EI 2 N se è presente un deficit neurologico come criterio contributivo
EI3: Infezione epidurale con sepsi
Sono necessari i criteri 1 A e 4 B
Criteri diagnostici del sito di puntura o dell'ascesso EI1 o EI2 o EI2NaEmocoltura positiva con lo stesso organismo isolato da
Febbre > 38.0°C o ipotermia < 36°C
Leucocitosi > 12 nL o leucopenia < 4 nL
PA sistolica < 90 mmHg
Tachicardia > 90 bpm
Insufficienza respiratoria (AF > 20, paCO2 < 32 mm Hg,
PaO2 < 70 mm Hg respirazione spontanea o
PaO2 /FiO2 < 175 sulla ventilazione meccanica)
EI3NCome sopra: classificato come EI3N se EI2Na i criteri sono presenti
Altra infezione associata al blocco dei nervi periferici
OI1: Infezione superficiale dei tessuti molliGonfiore lungo il catetere o la pista di posizionamento dell'ago
Dolorabilità locale lungo il catetere o il percorso di posizionamento dell'ago
Febbre (>38.0°C)
Drenaggio
Cultura positiva della zona
Leucocitosi (>12/nL o PCR > 20 mg/L)
Eritema locale
OI2: Ascesso o infezione dei tessuti profondiEvidenza di un ascesso o di una raccolta di liquidi compatibile con un processo infettivo mediante imaging o esplorazione chirurgica entro 30 giorni dal posizionamento dell'ago del blocco nervoso periferico/rimozione del catetere o dal tentativo di posizionamentoFebbre (>38.0°C)
Drenaggio
Cultura positiva da esplorazione chirurgica o puntura
Leucocitosi (>12/nL o PCR > 20 mg/L)
Eritema locale
Tenerezza locale
Mal di schiena focale
Deficit neurologico
OI2NaCome sopra: classificato come OI2N se è presente un deficit neurologico come criterio contributivoEmocoltura positiva con lo stesso microrganismo isolato dal sito di puntura o dall'ascesso Febbre > 38.0°C o ipotermia < 36°C
Leucocitosi > 12 nL o leucopenia < 4 nL
PA sistolica < 90 mmHg
Tachicardia > 90 bpm
Insufficienza respiratoria (AF > 20, PaCO2 < 32 mm Hg,
PaO2 < 70 mm Hg respirazione spontanea o
PaO2/FiO2 < 175 sulla ventilazione meccanica)
OI3: Infezione con sepsi
Sono necessari i criteri 1 A e 4 B
Criteri diagnostici di OI1 o OI2 o OI2NaEmocoltura positiva con lo stesso microrganismo isolato dal sito di puntura o dall'ascesso Febbre > 38.0°C o ipotermia < 36°C
Leucocitosi > 12 nL o leucopenia < 4 nL
PA sistolica < 90 mmHg
Tachicardia > 90 bpm
Insufficienza respiratoria (AF > 20, PaCO2 < 32 mm Hg,
PaO2 < 70 mm Hg respirazione spontanea o
PaO2/FiO2 < 175 sulla ventilazione meccanica)
OI3NCome sopra: classificato come OI3N se OI2Na i criteri sono presentiNuova insorgenza di sintomi neurologici centrali
Mal di testa
Torcicollo
Febbre > 38.0°C
Cultura positiva del liquido cerebrospinale
È iniziata la terapia antibiotica specifica per la meningite
Blocco spinale o epidurale (inserimento/rimozione del catetere) nelle ultime 72 ore
Deficit neurologico
ND1: Deficit neurologicoBlocco sensoriale e/o motorio e/o autonomo residuo 72 h dopo l'ultima iniezione di anestetico locale senza altra eziologia identificabile
Nuova insorgenza di deficit sensoriale e/o motorio e/o autonomo 24 h dopo la risoluzione del blocco originario senza altra eziologia identificabile
Se è presente un'infezione correlata all'anestetico/analgesia regionale, classificarla come EIXN/OIXNa
Evidenza elettrofisiologica di nuovo danno nervoso (MEP, SEP, studio della conduzione nervosa, elettromiografia)
Sono necessari i criteri 2 A e 1 BNuova perdita dei riflessi tendinei profondi
Nuova perdita di sensazione di vibrazione
Nuova insorgenza di dolore neuropatico nell'area di distribuzione nervosa interessata
Parestesie nell'area di distribuzione nervosa interessata
Deficit sensoriale e/o motorio e/o autonomo compatibile con dermatomi o area di distribuzione nervosa
aCRP: proteina C-reattiva; BP: pressione sanguigna; AF: Flusso d'aria (Frequenza respiratoria); CSF: liquido cerebrospinale; MEP: Potenziali evocati motori; SEP: potenziali evocati sensoriali. Se è presente un'infezione correlata all'anestetico/analgesia regionale, classificarla come EI XN/OI XN. Fonte: adattato con il permesso di Schulz-Stübner S, Kelley J: Regional Anesthesia Surveillance System: prime esperienze con uno strumento di valutazione della qualità per l'anestesia regionale e analgesia. Acta anestesiolo Scand. 2007 marzo;51(3):305-315.

Consigli NYSORA

  • Le specie streptococciche, S. aureus e Pseudomonas aeruginosa sono gli agenti causali più comuni, ma anche le specie multiresistenti emergono come agenti patogeni causali poiché il loro impatto endemico cresce all'interno dei sistemi sanitari.
  • I microrganismi della flora del paziente o dell'anestesista possono essere inoculati direttamente quando un catetere o un ago viene inserito nello spazio epidurale o subaracnoideo.
  • Perché è facile contaminare l'ago o i cateteri, misure asettiche.

Gli agenti anestetici iniettati nello spazio subaracnoideo o epidurale sono un'altra possibile fonte di infezione. Le infezioni da fiale multidose contaminate sono probabilmente rare perché la maggior parte dei farmaci anestetici sono basi deboli disciolte in soluzioni acide che inibiscono la crescita di batteri e funghi. Inoltre, la maggior parte delle soluzioni anestetiche locali multidose contengono un agente batteriostatico. Tuttavia, il caso clinico di North e Brophy ha suggerito che le fiale multidose contaminate possono ancora essere una fonte di infezione. Questi autori hanno riportato un'infezione in cui S. aureus con tipi di fagi corrispondenti sono stati isolati da un ascesso e da una fiala multidose di lidocaina.

Un rapporto di Wong et al ha descritto, oltre ad altre violazioni del controllo delle infezioni, l'uso di farmaci monodose per più pazienti come colpevole di un focolaio di batteriemia di Klebsiella pneumoniae e Enterobacter aerogenes in una clinica del dolore. Le violazioni della tecnica asettica per la preparazione dei farmaci possono essere dannose, soprattutto se è coinvolta una farmacia composta: nel 2012, più di 200 pazienti hanno sofferto di infezioni fungine con Exserohilum rostratum dopo l'uso di iniezioni di metipred-nisolone contaminate per procedure interventistiche del dolore in più istituzioni negli Stati Uniti Stati.

Per valutare se la contaminazione dell'agente anestetico o dell'attrezzatura (aghi, siringhe, tubi) è correlata a successive infezioni, i ricercatori hanno coltivato questi elementi dopo che sono stati utilizzati con i pazienti o durante le simulazioni. In quattro studi, lo 0%-29% dei cateteri usati era contaminato e James e colleghi hanno scoperto che 5 delle 101 siringhe utilizzate per iniettare agenti anestetici erano contaminate. Ross e colleghi hanno elaborato lo 0.25% di bupivacaina in siringhe di controllo e in siringhe utilizzate per indurre il blocco neurale epidurale lombare continuo (siringa di prova) in 18 pazienti ostetriche. Dopo ogni dose dalla siringa del test, i ricercatori hanno coltivato il contenuto sia del test che delle siringhe di controllo. Sei delle 18 siringhe di prova sono state contaminate da batteri, rispetto a solo 1 delle 18 siringhe di controllo. Raedler e soci hanno coltivato 114 aghi spinali e 20 epidurali dopo l'uso per singole iniezioni lombari. Ventiquattro colture (17.9%) hanno sviluppato microrganismi: 15.7% stafilococchi coagulasi-negativi; 1.5% lieviti; e 0.8% ogni enterococchi, pneumococchi e micrococchi. Gli autori hanno concluso che è facile contaminare l'ago e che gli anestesisti devono migliorare le loro misure igieniche. Nonostante il ritrovamento di apparecchiature o soluzioni anestetiche contaminate, non è stato identificato nessun paziente infetto; quindi, nessuno degli autori è stato in grado di correlare la contaminazione con l'infezione. Tuttavia, Loftus e colleghi hanno esaminato la contaminazione dei rubinetti endovenosi durante l'anestesia generale e hanno mostrato, per la prima volta, infezioni postoperatorie con lo stesso organismo. È quindi ipotizzabile che la contaminazione durante il posizionamento di un blocco regionale, e, ancor più probabilmente, durante la manipolazione di sistemi di cateteri continui, possa causare infezioni. Sebbene il rischio di tali infezioni sarebbe meno probabile di quello della manipolazione delle linee endovenose.

INFEZIONI ASSOCIATE AL blocco EPIDURALE

I numerosi casi clinici in letteratura di infezioni che si verificano dopo blocco neuroassiale epidurale, attestano il fatto che tali complicanze si verificano e possono essere gravi (Tabella 2). Dei 57 pazienti in questi casi clinici, 41 hanno acquisito ascessi epidurali o intraspinali, 1 ha sviluppato un ascesso sottocutaneo, 2 ha avuto meningite senza formazione di ascessi epidurali e 1 ha sviluppato sepsi. Quattro pazienti hanno avuto solo iniezioni, 1 paziente ha avuto iniezioni e diversi cateteri e gli altri pazienti hanno avuto cateteri. Tra i 38 pazienti che avevano cateteri e per i quali è stata specificata la durata del cateterismo, la durata mediana del cateterismo è stata di 3 giorni (intervallo da 50 minuti a 6 settimane). Il tempo mediano all'insorgenza dei primi segni o sintomi di infezione è stato di 4 giorni (intervallo da 1 giorno a 4.8 mesi) dopo il posizionamento del catetere. Staphylococcus aureus ha causato 27 delle 43 infezioni da cui sono stati isolati agenti patogeni batterici. Pseudomonas aeruginosa ha causato cinque infezioni e Streptococcus spp. ne ha provocati cinque. In un caso è stato isolato S. aureus resistente alla meticillina (MRSA); tre pazienti sono morti.

Consigli NYSORA

  • I cateteri epidurali inseriti per il controllo del dolore a lungo termine si infettano più frequentemente di quelli utilizzati per brevi periodi di tempo.
  • La malignità e la ridotta immunocompetenza potrebbero essere fattori di rischio aggiuntivi per l'infezione del catetere.
  • Casi di infezioni che si verificano dopo il blocco neuroassiale epidurale sottolineano che le complicanze dell'infezione possono essere gravi e spesso portare ad ascessi epidurali o intraspinali.

Va tenuto presente che il numero di casi segnalati non consente di valutare la reale frequenza delle infezioni dopo il blocco neurale epidurale. Tuttavia, diversi ricercatori hanno condotto studi per valutare questo rischio. Durante la revisione di 350 segnalazioni in letteratura, Dawkins nel 1969 non ha riscontrato segnalazioni di infezione dopo blocco epidurale toracico o lombare, ma ha identificato 8 segnalazioni (0.2%) di infezione dopo 3767 blocchi epidurali sacrali utilizzati per procedure operative e per ostetricia. Più recentemente, Dawson ha esaminato la letteratura e ha riscontrato tassi di infezione profonda che vanno dallo 0% allo 0.7% e tassi di infezione superficiale che vanno dall'1.8% al 12%.

TABELLA 2. Infezioni associate al blocco neurale epidurale.

Autore
(Riferimento)
AnnoIndicazioneSito epiduraleFiltro utilizzatoCatetere
Durata
Tipo di infezioneTempo da
Inserimento a
Sintomi
Segni e sintomi MicrorganismoRisultato
Edwards e Hingson311943consegna vaginale CaudaleNSNSAscesso epidurale, batteriemiaNSNSStaphylococcus
aureus
Morto 31 giorni dopo la consegna
Ferguson e Kirsch32a1974Analgesia postoperatoriatoracicaNS2 giorniEmpiema epidurale4 giorni
10 giorni
14 giorni
Febbre, mal di testa, meningismo
Ritenzione urinaria
Paraparesi
Staphylococcus
epidermide
Compromissione sensoriale, debolezza spastica, cammina con le stampelle
Sadi33a1976Analgesia postoperatoriatoracica1.7 giorniAscesso epidurale4 giorni
8 giorni
9 giorni
10 giorni
14 giorni
Febbre
Brividi, dolore addominale quadrante superiore destro
Mal di testa, torcicollo
Ritenzione urinaria
Paraparesi degli arti inferiori, nessun tono anale
S. aureusCompromissione sensoriale, cammina con assistenza minima
Nord e Brophy719791. PriapismoLombareNon3 giorniAscesso epidurale1 giornoFebbre
Torcicollo, disfagia, mal di schiena, strappi alle caviglie assenti
S. aureusPieno recupero
2. Costole fratturate, lesione al toracetoracica4 giorniAscesso epidurale10 giorniFebbre
Torcicollo, perdita sensoriale da T2 a T6
S. aureusCompromissione sensoriale
Wenningsted Torgard et al45b1982Mal di schiena lombare LombareNS6 giorniAscesso cutaneo, spondilite, batteriemia10 giorniFebbreS. aureusFormazione a cuneo di due corpi vertebrali
McDonogh e Cranney351984Costole fratturatetoracica3.3 giorniAscesso epidurale2.5 giorni
19 giorni
Febbre
Paralisi gamba sinistra, debolezza, gamba destra, ritenzione urinaria, deficit sensoriale da T7 a 8
S. aureusDebolezza residua del lato sinistro, utilizza deambulatore, ritenzione urinaria
Konig et al361985Operazione al ginocchioLombareNS4 giorniAscessi paravertebrali ed epidurali, osteomielite, durite flemmonica, mielite2 settimaneDolore, paraparesi degli arti inferioriS. epidermidisRecupero quasi completo
Sollmann et al371987Dolore all'arto fantasmaNSNS6 settimaneGrande ascesso "spinale" incapsulato che comprime la dura madre a L4–L56 settimane,
5 mesi
Forte dolore alla schiena
Sciatalgia grave
Pseudomonas
aeruginosa
Dolore persistente
Fine et al381988Sindrome del dolore nevralgicotoracica3 giorniInfezione del sito, ascesso epidurale9 giorniFebbre, brividi, ritenzione urinariaNessuna cultura ottenutaCompromissione sensoriale
Pronto e Helfer3919891. Parto vaginaleLombareNS50 minMeningite1 giornoMal di testa, torcicollo, febbre, mal di schiena, rigidità nucaleStreptococco uberisPieno recupero
2. Taglio cesareoNSNS3 giorniMeningite da cellulite3.5 giorni
5.5 giorni
Febbre
Cefalea, rigidità nucale, fotofobia, iperacusia
Enterococcus faecalisPieno recupero
Berga e Trierweiler401989consegna vaginaleLombareNSNSMeningite1 giornoMal di testaStreptococcus
sangue
Pieno recupero
Goucke e Graziotti411990Mal di schienaLombareNS3 iniezioni epiduraliBatteriemia, ascesso epidurale3.3 settimane dopo l'ultima iniezioneMal di schiena, febbre, ritenzione urinariaS. aureusMorto 7 settimane dopo la laminectomia
Lynch e Zech421990Analgesia intra e postoperatoriaLombare3 giornispondilite3 giorniFebbre, brividi, mal di testa, mal di schienaP. aeruginosaRecupero di 9 mesi, indossa un tutore lombare, qualche dolore lombare
Forte4319911. Herpes zosterbtoracica2.5 giorni
3 giornic
Ascesso epidurale4.4 settimaneDolore, mal di testa, torcicollo, febbre, dolore al fianco destroS. aureusPieno recupero
2. Distrofia simpatica riflessaCervicale5 giorni
5 giornic
Cellulite
Ascesso epidurale
16 giorni
7 settimane
Cellulite
Dolore al collo che si irradia al braccio sinistro
Cultura negativaPieno recupero
Klygis e Reisberg441991consegna vaginaleNSNSNSAscesso epidurale1.5 giorniMal di schiena, parestesie mediali della coscia e della superficie plantare dei piedi, febbreGruppo G
streptococchi
Pieno recupero
Dawson et al451991Analgesia postoperatoriatoracica4 giorniAscesso epidurale12 giorni
18 giorni
Intorpidimento e debolezza alle gambe, incontinenza urinaria
Paraplegia
S. aureusPerdita della funzione motoria, richiede un catetere urinario a permanenza, in grado di compiere pochi passi con l'aiuto
Waldmann1421991Radiculopatia cervicaleC6NSNSAscesso epidurale72 ore.Torcicollo e brividiS. aureusQuadraparetico con parziale funzione degli arti superiori e in grado di camminare
Ferguson46 1992Analgesia intra e postoperatoriaLombare4 giorniCellulite, infezione epidurale7 giorniFebbre, mal di schienaS. aureusNon specificato
NganKee e Jones471992Taglio cesareoLombare50 ore.Ascesso epidurale5 giorniFebbre, mal di schiena, brividi, batteriemia, parestesie, debolezza di entrambe le gambeS. aureusRecupero completo dopo 8 settimane
Sever et al481992Analgesia intra e postoperatoriatoracica5 giorniAscesso epidurale3.6 settimaneMal di schiena, ritenzione urinaria, parestesie e debolezza a entrambe le gambeS. aureusParaplegico con catetere uretrale a permanenza
Shintan et al491992dell'herpes zosterLombareNS3 giorniMeningite, ascesso epidurale3 giorniMal di testa, nausea, vomito, febbre, sonnolenza, mal di schienaResistente alla meticillina
S. aureus
Pieno recupero
Nordstrom e Sandin501993Costole fratturate toracica6 giorniAscesso epidurale19 giorniMal di schiena, intorpidimento di entrambe le gambe, febbre, paresi dello sfintere uretraleS. aureusRecupero incompleto della funzione motoria 4 mesi dopo la laminectomia
Mamouriano et al701993PVDL3-L4NS48 ore.Ascesso epidurale72 ore.Dolore radicolare e debolezza agli arti inferiori, ritenzione urinariaS. aureusPieno recupero
Dolore nella zona lombareNSNSColpo singoloAscesso epidurale2 settimaneDolore in peggioramento, debolezza alle gambe, ritenzione urinariaS. aureusMorto per tachicardia ventricolare
PVDNSNSColpo singoloAscesso epidurale24 ore, 4 giorniFebbre, spasmo alle gambeS. aureusNessun deficit neurologico
Davis et al51 1993consegna vaginaleLombareNSMeno di 1 giornoMeningite1.7 giorniMal di testa, vomito, confusione, delirio, febbreGruppo β-emolitico
streptococchi
Pieno recupero
Ania52b1994Dolore lombareNSNS8 giorniMeningite1 giorno, 3 giorniMal di testa, brividi, vomitoS. aureusPieno recupero
Tabo et al711994dell'herpes zosterL3-L4NS3 giorniAscesso epidurale4 giorniFebbre, stanchezza, dolore S. aureusPieno recupero
Boro et al531995consegna vaginaleLombare1 giorniAscesso epidurale4 giorniMal di schiena, formicolio a entrambe le estremità inferioriS. aureusPieno recupero
Liu e Papa541996Litotrissia extracorporea ad onde d'urtoNSNSNSMeningite6 giorniDebolezza su entrambi gli arti inferioriStreptococcus
polmonite
Pieno recupero
Dunn et al55 1996Analgesia intra e postoperatoriaNSNS1 giornoAscesso epidurale, osteomielite1 giornoDolore al collo e alla schienaS. aureusLieve dolore all'anca e al lombo 5 mesi dopo l'operazione
14 giorniMal di schiena, nausea, vomito, febbre
Cooper e Sharpe56b1996Mal di schiena cronicoNon specificatoNSIniezioneMeningite, sindrome della cauda equina3 giorniAumento del mal di schiena, brividi, sudorazione profusaS. aureusIncontinente delle feci
13 giorniDebolezza alle gambe, incontinente delle feci
Barontini et al571996Resezione transuretrale della prostataLombareNSNSAscesso epidurale2 giorniFebbre, debolezza alle gambeNessuna cultura ottenutaParaplegia
4 giorniBrividi, dolore, paraparesi flaccida della gamba
Pinczow e Gyorke151996Analgesia postoperatoriaLombareNS4 giorniOsteomielite vertebrale L13 settimaneDolore nella zona lombareP. aeruginosaPieno recupero
Wang et al721996RSDL2–L3 e L3–L4 (totale di 4 cateteri durante 4 settimane)NS4 settimane Piccolo ascesso epidurale con irritazione meningea?Rigidità nucale, mal di schiena, nausea, fotofobia, forte mal di testaNon identificatoPieno recupero
Bengtzson
et al17
19971. Analgesia dopo un'amputazione traumaticaL3–L4, T12–L1 1 giorno,c 4 giorniMeningite4 giorniFebbre, dolore ed eritema al 2° sito di inserzione, torcicolloP. aeruginosaPieno recupero
2. Analgesia per dolori fantasma dopo un'amputazioneLombare3 giorniTessuto molle e ascesso interspinale3 giorniFebbre, forte mal di testa, eritema, S. aureus e gonfiore al sito di inserimento, mal di schiena che si irradia alla coscia destraNessuna cultura ottenutaDolore radicolare nella parte bassa della schiena
3. Analgesia per ulcere dolorose del piedeCatetere a tunnel lombare16 giorniAscesso dello psoas da L2 a L5 che segue a livello intraspinale L3-L411 giorni, 14 giorniFebbre, dolore che si irradia dalla schienaS. aureusPieno recupero
Sarrubbi e Vasquez5819971. Analgesia per distrofia simpatica riflessaL1-L2NS3 giorniAscesso epidurale3 giorniFebbre alta, drenaggio nuvoloso al sito di uscita del catetereS. aureusRecuperato alla sua linea di base
2. Anestesia chirurgica e analgesia postoperatoriaNSNS2 giorniAscesso epidurale e meningite2 giorniDebolezza bilaterale della gamba e visione doppiaS. aureusDeambulato con un deambulatore a 3 mesi
5 giorniParalisi flaccida, visione doppia da paralisi del 3° nervo, meningismo, livello sensoriale L1
Iseki et al591998Analgesia per l'herpes zoster11 iniezioni epidurali poi cateteri a
T6–T7,
T8–T9,
T7-T8
NS4 giorni,c
1 giorno,
6 giorni
Ascesso epidurale a T6–T7 e infiammazione dei muscoli perivertebrali da T5 a T76 giorni dopo il cateterismo finaleFebbre, elevato numero di globuli bianchi e proteina C-reattivaResistente alla meticillina
S. aureus
Pieno recupero
O'Brien e Rawluk601999Analgesia per la lombalgia1 iniezione epiduraleNSNon applicabileAscesso epidurale3 mesiMal di schiena, dolore bilaterale agli arti inferioriMicobatterio
fortunato
Pieno recupero
Halkic et al612001Analgesia postoperatoriaT11-T12NS4 giorniSpondilodiscite a L5–S14 giorniDolore lombare che si irradia all'inguinePropionibatterio
acne
Pieno recupero
Phillips et al6220021. Analgesia postoperatoriatoracicaNS3 giorniAscesso epidurale4 giorniFebbreS. aureusPieno recupero
5 giorniLombalgia, mal di testa, dolorabilità al sito di inserimento
2. Analgesia postoperatoriatoracicaNS3 giorniAscesso epidurale3 settimaneDolore al sito di inserimento, debolezza agli arti inferiori, ritenzione urinariaResistente alla meticillina
S. aureus
Morto per embolia polmonare e arresto cardiaco
Royakker et al6320021. Analgesia postoperatoriaL2-L34 giorniAscesso epidurale3 giorniFebbreS. aureusPieno recupero
4 giorniElevata VES, WBC, proteina C-reattiva
5 giorniEritema al sito di uscita
7 giorniPus nel sito di inserimento
2. Analgesia postoperatoriaT7-T8NS5 giorniAscesso epidurale6 giorniEritema e pus al sito di inserimentoS. aureusPieno recupero
3. Analgesia postoperatoriaT10-T11NS3 giorniAscesso epidurale7 giorniSegni di infezione locale, mal di schiena, febbre fino a 39°CS. aureusPieno recupero
Hagiwara et al642003Analgesia postoperatoriaTorace bassoNSNSAscesso epidurale4.8 mesiFebbre, mal di schiena, rigidità del collo, coma e tetraplegiaResistente alla meticillina
S. aureus
Recupero quasi completo
Evans e Misura652003Analgesia del travaglioLombareNSAscesso epidurale7 giorniDolore alla schiena e alle gambeNSRecupero incompleto
9 giorniVampate di calore e di freddo, malattie simil-influenzali, dolore alla schiena su entrambe le gambe
11 giorniFebbre, disidratazione, tachicardia
12 giorniIncapace di sopportare il peso o di urinare, la sensazione è diminuita sotto le ginocchia
Yue e Tan662003Dolore nella zona lombareCaudaleNS in astrattoNS in astrattoDiscite4 settimaneLombalgia, elevati reagenti sierici di fase acuta, evidenza radiografica di discite L4-L5P. aeruginosaPieno recupero
Hagiwara et al692003colectomiaLombareNSNSAscesso epidurale144 giorni Febbre, forte mal di schienaResistente alla meticillina
S. aureus
Leggero disturbo dell'andatura
Volk et al1792005Sostituzione dell'ancaLombare3 giorniEmpiema subdurale e ascesso paraspinale16 giorniFebbre, mal di schiena, lieve mal di testaNSPieno recupero
Aiba et al672009NSNSNSNSAmpio ascesso epiduraleNSNSNSNS
Radif e Dalsgaard682009NSNSNS2 giorniAscesso sottocutaneo e meningite2 giorniDolore, poi febbre e rigidità del colloNSPieno recupero
Pitkanen et al1132013Chirurgia addominaletoracicaNS9 giorniAscesso epidurale NSNSPieno recupero
Ernia del discoNSNSDiverse iniezioniAscesso epidurale NSNSPieno recupero
Traumi multiplitoracicaNS14 giorniAscesso epidurale NSNSPieno recupero
Dolore cronico NSNSNSMeningiteNSNSPieno recupero
Dolore cronicoNSNS14 giorniSepsiNSNSPieno recupero
ESR = velocità di eritrosedimentazione; NS = non specificato; PVD = malattia vascolare periferica; WBC = conta dei globuli bianchi.aSebbene esistano discrepanze nei due rapporti, questi articoli possono riferire lo stesso paziente.bAl paziente sono stati somministrati agenti anestetici epidurali e steroidi epidurali.cIl paziente aveva più di un catetere epidurale.Fonte: adattato con il permesso di Mayhall CG: Epidemiologia ospedaliera e controllo delle infezioni, 3a ed. Filadelfia: Lippincott, Williams e Wilkins; 2004

Scott e Hibbard hanno esaminato tutte le unità ostetriche nel Regno Unito e hanno identificato un ascesso epidurale in circa 506,000 blocchi neurali epidurali. Al contrario, Palot e colleghi hanno identificato tre casi di meningite in 300,000 pazienti che avevano subito blocchi epidurali. Tre serie più piccole di blocchi neurali epidurali ostetrici (circa 12,000 pazienti) non hanno identificato alcuna infezione. Allo stesso modo, in un recente studio del gruppo francese SOS sulle complicanze dell'anestesia regionale, Auroy e colleghi non hanno identificato alcuna infezione in 29,732 blocchi neurali epidurali somministrati per procedure ostetriche. Insieme, i risultati di questi cinque studi suggeriscono che si verificano quattro o cinque complicazioni infettive gravi (ad es. ascessi epidurali o meningite) per 1 milione di blocchi neurali epidurali ostetrici.

Numerosi studi hanno valutato le infezioni associate ai blocchi neurali epidurali eseguiti per procedure operative o per alleviare il dolore a breve termine. Tuttavia, questi studi hanno riportato un minor numero di pazienti rispetto agli studi sul blocco neurale epidurale per le procedure ostetriche. I risultati di 10 studi sono riassunti in Tabella 3. Brooks e collaboratori hanno riscontrato quattro infezioni tra 4832 (0.08%) pazienti sottoposti a blocco neuroassiale epidurale per procedure chirurgiche o per travaglio e parto. Tutte e quattro le infezioni si sono verificate in giovani donne sane sottoposte a taglio cesareo; due infezioni erano superficiali (0.04%) e due riguardavano lo spazio epidurale (0.04%). Al contrario, Holt e colleghi hanno riportato 53 (1.8%) infezioni locali e 11 (0.4%) infezioni del sistema nervoso centrale correlate a circa 3000 cateteri epidurali. La durata mediana del cateterismo è stata di 8 giorni per i pazienti con infezioni locali e di 15 giorni per quelli con sintomi generalizzati (p = .01). I cateteri rimossi da pazienti con sintomi clinici sono stati colonizzati più pesantemente di quelli rimossi da pazienti asintomatici. Tuttavia, 59 su 78 cateteri con colture positive sono stati rimossi perché i pazienti erano sintomatici, suggerendo che questa osservazione potrebbe essere stata influenzata da bias di accertamento.

Dato che l'incidenza delle infezioni identificate in tutti gli studi è stata bassa, i risultati riportati dai ricercatori che hanno calcolato i limiti superiori del rischio di infezione associato al blocco neurale epidurale sono particolarmente importanti perché forniscono una stima migliore del rischio reale rispetto agli studi che riportato solo il numero di contagi e il numero di procedure. Ad esempio, Strafford e colleghi non hanno identificato infezioni cutanee o ascessi epidurali tra 1458 pazienti pediatrici che hanno avuto analgesia epidurale per controllare il dolore perioperatorio. Questi ricercatori hanno calcolato che l'incidenza dell'infezione clinica fosse 0 con un intervallo di confidenza del 95% dallo 0% allo 0.03%, o tre infezioni ogni 10,000 procedure. Auroy e colleghi, come notato in precedenza, non hanno identificato alcuna infezione tra le 29,732 procedure eseguite per il parto. Hanno calcolato intervalli di confidenza al 95% da 0/10,000 a 1/10,000 procedure. Darchy e colleghi hanno valutato 75 pazienti, 9 (12%; tasso di densità di incidenza di 2.7/100 giorni-catetere) dei quali hanno acquisito infezioni locali. Nessuno dei pazienti ha acquisito infezioni profonde. Sulla base di questi dati, Darchy e collaboratori hanno stimato che il rischio superiore di infezioni dello spazio spinale fosse del 4.8% per i cateteri rimasti in posizione per 4 giorni. Da notare, queste stime sono considerevolmente superiori a quelle di Strafford e colleghi e persino superiori ai tassi trovati da Du Pen e collaboratori tra i pazienti con cateteri epidurali per il controllo del dolore a lungo termine.

TABELLA 3. Infezioni dopo blocchi neurali epidurali eseguiti per procedure chirurgiche o sollievo dal dolore a breve termine.

Autore (Riferimento)Anno di pubblicazioneNumero di pazientiNumero di infezioni
Hunt et al2819771021 cellulite
Sethna et al821992Bambini 12000
Darchy et al831996759 infezioni locali, di cui 4 associate a infezioni da catetere
McNeeley et al841997910
Abele et al85199843920
Erba et al86 199851931 infezione del sito di uscita
Kost-Byerly et al87 1998Bambini 21021/170 (12.3%) dei cateteri caudali, 1/40 (2.5%) dei cateteri lombari erano associati a cellulite
Phillips et al62200224013 infezioni epidurali
Auroy et al8120025561Meningite 1
Volk et al140 20095057136 infezioni del sito di uscita
Fonte: dati di Mayhall CG: epidemiologia ospedaliera e controllo delle infezioni, 3a ed. Filadelfia: Lippincott, Williams e Wilkins; 2004.

In generale, i cateteri epidurali inseriti per il controllo del dolore a lungo termine si infettano più frequentemente di quelli utilizzati per brevi periodi di tempo. Du Pen e collaboratori hanno identificato 30 infezioni superficiali (9.3/10,000 catetere-giorni), 8 profonde tracce del catetere (2.5/10,000 catetere-giorni) e 15 infezioni dello spazio epidurale (4.6/10,000 catetere-giorni) tra 350 pazienti che avevano a lungo termine cateteri epidurali. Allo stesso modo, Zenz e colleghi hanno identificato due casi di meningite tra 139 pazienti (1.4%, o 2.1/10,000 giorni di catetere) trattati per dolore dovuto a malignità. Coombs ha riferito che 10 su 92 (10.9%) pazienti oncologici hanno acquisito infezioni locali e 2 (2.2%) hanno acquisito meningite. Malignità e ridotta immunocompetenza potrebbero essere fattori di rischio aggiuntivi nella popolazione con cateteri a lungo termine.

Resta da vedere se le medicazioni trasparenti di nuova concezione con cerotti integrati di clorexidina possano essere utili per questa popolazione vulnerabile.

INFEZIONI ASSOCIATE AL blocco SUBARACNOIDE

Case report in letteratura hanno indicato che gravi infezioni possono verificarsi come complicanze del blocco neurale subaracnoideo (Tabella 4). Delle 471 infezioni riportate in questi casi clinici, 272 erano meningite, 4 erano ascessi epidurali, 2 erano ascessi dei tessuti molli, 2 erano infezioni di un disco o di uno spazio discale, 1 aveva sviluppato ascessi cerebrali e spinali e 1 era un caso di grave fascite necrotizzante. Nell'ultimo caso menzionato, gli autori hanno ipotizzato come causa una fiala multiuso contaminata e riutilizzata di anestetico locale. Il tempo mediano di insorgenza dei segni o sintomi di infezione è stato di 1 giorno (intervallo da 1 ora a 2 mesi) per tutte le infezioni e 18 ore (intervallo da 1 ora a 10 giorni per la meningite). Le specie di streptococco hanno causato 24 delle 37 infezioni da cui sono stati identificati agenti patogeni batterici; S. aureus ha causato 2 infezioni; Pseudomonas spp. causato 4; e una betalattamasi a spettro esteso Serratia marcescens ha causato 1. Rispetto alle infezioni dopo il blocco neurale epidurale, le infezioni associate al blocco neurale subaracnoideo erano più probabilmente causate da streptococchi e i pazienti avevano maggiori probabilità di riprendersi completamente. Tabella 5 esamina i dati di 10 studi o revisioni che, se presi insieme, suggeriscono che il tasso di infezione era di circa 3.5 per 100,000 blocchi neurali subaracnoidei.

INFEZIONI ASSOCIATE AL BLOCCO COMBINATO EPIDURALE E SUBARACHNOIDE

Al momento, ci sono pochi rapporti in letteratura sulle complicanze infettive dovute all'uso del blocco neurale combinato epidurale-subaracnoideo (CSE). In 11 casi segnalati di infezioni per un numero totale di 12 pazienti dopo procedure combinate (Tabella 6), il tempo mediano all'insorgenza di segni o sintomi di infezione è stato di 21 ore (intervallo da 8 ore a 9 giorni) per tutte le infezioni e 18 ore (intervallo da 8 ore a 3 giorni) per la meningite. Segni o sintomi di ascessi epidurali sono stati rilevati per la prima volta 1-9 giorni dopo le procedure. Le specie di streptococco hanno causato tre dei sei casi di meningite e S. aureus ha causato tutti e tre gli ascessi epidurali. Dieci dei dodici pazienti si sono ripresi completamente. Cascio e Heath hanno valutato i tassi di infezione associati alle procedure combinate e hanno identificato un caso di meningite dopo circa 700 (≈0.1%) blocchi neurali CSE.

INFEZIONI ASSOCIATE A BLOCCHI DEL NERVO PERIFERICO

Le tecniche di anestesia regionale continua che utilizzano blocchi nervosi periferici sono diventate più popolari negli ultimi anni per la gestione del dolore postoperatorio, in particolare per le procedure ortopediche. Solo pochi studi hanno affrontato le complicazioni infettive legate a queste procedure. Lo studio di Auroy e collaboratori di anestesisti francesi non ha identificato alcuna infezione dopo 43,946 blocchi periferici. Bergman e colleghi hanno identificato 1 paziente su 368 pazienti (405 cateteri ascellari) che avevano un'infezione cutanea locale da S. aureus nell'ascella dopo 48 ore di analgesia ascellare. Il paziente è guarito completamente con il trattamento antibiotico. Meier e colleghi hanno riportato otto infezioni cutanee superficiali tra 91 pazienti che avevano cateteri interscalenici continui per una media di 5 giorni. Nseir ha descritto un caso di fascite necrotizzante da streptococco fatale a seguito di blocco del plesso brachiale ascellare. Adam ha riportato un ascesso da psoas che complicava un catetere di blocco del nervo femorale.

Cuvillion e colleghi hanno ottenuto colture di 208 cateteri femorali quando sono stati rimossi dopo 48 ore. Dei cateteri, il 54% è stato colonizzato da batteri potenzialmente patogeni (71% Staphylococcus epidermidis, 10% Enterococcus spp. e 4% Klebsiella spp.). Questi ricercatori hanno anche riportato tre episodi di batteriemia transitoria, ma non hanno identificato ascessi o episodi di sepsi clinica. Nessuno dei gruppi ha fornito informazioni sulle tecniche asettiche utilizzate per l'inserimento del catetere.

Compère ha riportato una singola infezione in 400 blocchi continui del nervo sciatico popliteo (0.25%), mentre Volk e collaboratori della rete di anestesia regionale tedesca hanno riportato nel 2009 un'incidenza dell'1.3% di complicanze infettive per blocchi periferici in 3724 procedure rispetto a un tasso più elevato di neuroassiali tecniche (2.7% in 5057 procedure).

Tra il 2002 e il 2009, Reisig e colleghi hanno raccolto dati su 10,549 procedure di catetere periferico in uno studio di osservazione che includeva l'implementazione di un pacchetto completo di controllo delle infezioni. Sebbene le definizioni di infiammazione e infezione utilizzate in questo studio rimangano alquanto vaghe, potrebbero mostrare un tasso del 4.2% per l'infiammazione e del 3.2% per le infezioni in 3491 procedure prima dell'intervento e una riduzione del 2.6% per l'infiammazione e dello 0.9% per le infezioni in 7053 procedure dopo gli interventi.

Altre segnalazioni includevano casi di osteomielite a seguito di blocchi digitali e blocco dell'ematoma per la riparazione di fratture, nonché cellulite orbitale da anestesia sub-tenonica, mediastinite a seguito di blocco interscalenico continuo, infezione da Aspergillus caldi-oustus dopo blocco del nervo lombare non specificato e due casi con sepsi dopo i cateteri del nervo femorale.

Tutti questi rapporti sottolineano l'importanza di mantenere un'asepsi rigorosa durante l'esecuzione di continui blocchi nervosi periferici.

TABELLA 4. Infezioni associate al blocco neurale subaracnoideo.

Autore
(Riferimento)
Anno
Indicazione
IndicazioneTipo di
Infezione
Incubazione
Periodo
Segni e
Sintomi
MicrorganismoRisultatoCommenti
Corbett e Rosenstein9619711. Parto vaginaleMeningite36 ore.Febbre, mal di testa, torcicolloPseudomonas
aeruginosa
Pieno recupero Tre pazienti sono stati infettati quando un medico ha risciacquato lo stiletto dell'ago spinale in soluzione fisiologica utilizzata per parti consecutivi
2. Parto vaginaleMeningite3 giorniFebbre, mal di testa, torcicollo, dolore al collo, rigidità nucaleP. aeruginosa Pieno recupero
3. Parto vaginaleMeningite4 giorniFebbre, mal di testa, nauseaP. aeruginosa Pieno recupero
Siegel et al971974consegna vaginaleAscesso sottogluteo sinistro4 ore.Dolore ai glutei che si irradia alla cosciaMimeaPieno recupero
14 giorniDolore intenso all'articolazione sacroiliaca
Loarie e Fairley131978Sbrigliare le ulcere necrotiche del talloneAscesso epidurale2 giorniFebbre, mal di schiena, ritenzione urinariaStaphylococcus
epidermide,
Bacteroides
Pieno recupero Diabetico insulino-dipendente
15 giorniDebolezza bilaterale degli arti inferiori, tono dello sfintere anale assente
Berman ed Eisele141978Evacuazione transuretrale del coagulo dalla vescicaMeningite1 ore.Brivido tremante, febbre, mal di schiena, mal di testa, confusioneEnterococcusNon specificato
Beaudoin e Klein981984Sbrigliare e drenare il piede infettoAscesso epidurale4 giorni dopo l'ultimo blocco neurale subaracnoideoMal di schiena, dolore che si irradia alla parte superiore delle coscePseudomonas spp.Pieno recuperoDiabetico insulinodipendente di 35 anni, ha ricevuto 5 blocchi neurali subaracnoidei in 10 giorni
Abdel-Magid e Kotb991990emorroidectomiaAscesso epidurale15 giorniMal di schiena, debolezza alle gambe, ritenzione urinaria, febbre, riflessi bilaterali alla caviglia assentiProteus spp.Pieno recupero
Roberts e Petts1001990Rimuovere la placenta trattenutaMeningite18 ore.Mal di testa, fotofobia, febbre, brividi, segno di Kernig positivo, debolezza del quadricipiteCultura negativaPieno recuperoGli antibiotici sono iniziati prima della puntura lombare
Lee e Parry1011991Taglio cesareoMeningite16 ore.Forte mal di testa
22 ore.Nausea, fotofobia, diminuzione dello stato mentale, febbre, rigidità nucale, segno di Kernig positivo
Blackmore et al1021993ErniorrafiaMeningite e batteriemia16 ore.Febbre, vomito, ottundimentoStreptococco mitisPieno recupero
Ezri et al103 1994emorroidectomiaMeningite10 giorniFebbreEscherichia coli
25 giorniMalessere, mal di testa, fotofobia, vertigini, febbrePieno recupero
Mahendru et al1041994Amputazione del piedeAscesso epidurale3 settimaneMal di schiena, paresi bilaterale degli arti inferiori e debolezzaNessuna cultura ottenutaMorto per carcinoma esofageoDiabetico insulino-dipendente
Gebhard e Brugman1051994Artroscopia del ginocchioDiscite 2 mesiDolore alla schiena e alla coscia, velocità di sedimentazione elevataPropionibatterio
acne
Pieno recupero
Newton et al1061994consegna vaginaleMeningite12 ore.Mal di testa, fotofobia, peggioramento dello stato mentale, febbreStreptococcus
salivarius
Pieno recupero
Schneeberger et al919961. Artroscopia del ginocchio Meningite12 ore.Febbre, segni meningeiStreptococcus
sangue
Pieno recupero
2. Artroscopia del ginocchio Meningite12 ore.Mal di testaS. mitisPieno recupero
2 giorniFebbre, segni meningei
3. Stripping delle vene varicoseMeningite24 ore.Mal di testa, febbre, alterazione della coscienza, segni meningeiS. salivariusPieno recupero
4. Stripping delle vene varicoseMeningite12 ore.Mal di testa, febbreStreptococcus
cremori
Comunicare l'idrocefaloL'idrocefalo potrebbe essere preesistente
Horlock et al10919971. Procedura urologicaInfezione da spazio su disco1 giorno Dolore nella zona lombare Staphylococcus
aureus
Pieno recupero
4 mesiLombalgia invalidante
2. Esame in anestesiaAscesso paraspinale1 giorno Dolore nella zona lombareS. aureusPieno recupero
11 giorniFebbre
Kaiser et al107 1997IsterectomiaMeningite12 ore.Febbre alta, forte mal di testa, dolore lombare, letargia, punteggio Glasgow di 12, rigidità nucale, segni positivi di Kernig e BrudzinskiS. salivariusPieno recupero
Laurila et al73 1998ArtroscopiaMeningite16 ore.Mal di testa, nausea, vomitoS. salivariusPieno recuperoanestesista
indossava maschera e guanti e usava una soluzione di clorexidina alcol per la preparazione della pelle
Fernandez et al1081999Meniscectomia artroscopicaMeningite18 ore. Forte mal di testa, nausea, vomito, febbre alta, rigidità nucaleS. mitisPieno recupero
Yaniv e Potasman952000Litotripsia extracorporea ad onde d'urto per ureterolitiasiMeningite12 ore.Febbre, forte mal di testa, segni meningei, numero elevato di globuli bianchiS. salivariusSequele minori, lieve parestesia della coscia destraL'anestesista indossava camice, guanti sterili, mascherina
Trautmann et al82002Riparazione artroscopica del ginocchioMeningite1 giornoFebbre, nausea, torcicolloS. salivariusPieno recuperoEntrambi i pazienti sono stati operati lo stesso giorno
Riparazione artroscopica del ginocchioMeningite1 giornoMal di testa, nausea, torcicolloS. salivariusPieno recupero
Rubin et al1020076 casi chirurgiciMeningiteNSFebbre, torcicolloS. salivariusPieno recupero Anestesista unico con possibile violazione della tecnica asettica
Cervero111 2009ChirurgiaMeningiteNSNSS. salivariusNS
CDC11 2010Intrapartum (6 casi)MeningiteNSNSS. salivariusPieno recupero Non indossare una maschera in 5 casi
Hadzic et al1102012Chirurgia ortopedicaMeningite1 giornoMal di testa, febbre ESBL Serratia marcescensPieno recupero Gli organismi multiresistenti devono essere presi in considerazione per il trattamento empirico a seconda della situazione endemica locale
Kundra et al1122012Parto cesareoFascite necrotizzante5 giorniNecrosi cutanea dal sito della puntura alla regione gluteaNSPieno recuperoFlaconcino multidose contaminato riutilizzato come probabile causa
Pitkanen et al1132013Artroscopia del ginocchioAscessi cerebrali e spinali2 mesiMal di testa, torcicolloNSMorte
Operazione al ginocchioMeningiteNSNSNSPieno recupero
fimosiMeningiteNSNSNSPieno recupero
Artroscopia del ginocchioMeningiteNSNSNSPieno recupero
Iperplasia prostaticaMeningiteNSNSNSPieno recupero
Artroscopia del ginocchioMeningiteNSNSNSPieno recupero
Fonte: adattato con il permesso di Mayhall CG: Hospital Epidemiology and Infection Control, 3a ed. Filadelfia: Lippincott, Williams e Wilkins; 2004.

TABELLA 5. Frequenza di meningite dopo blocco neurale subaracnoideo.

Autore (Riferimento)AnnoNumero di pazientiNumero di infezioni Tasso di meningite
Evans1161945250000
Scarborough1171958500000
Dripps e Vandam1181954846000
Moore e Bridenbaugh119196611,57400
Lund e Cwik120 1968> 21,00000
Sadove et al1211961> 20,0003≈15 / 100,000
Arner122195221,23014.7 / 100,000
Horlock et al1091997421700
Auroy et al8120025640 ostetrico00
Auroy et al81200235,439 non ostetriche 12.8 / 100,000
Pugely et al12320136030 Ginocchio totale
sostituzioni
?0
Totale> 141,0905≈3.5 / 100,000
Fonte: adattato con il permesso di Mayhall CG: Hospital Epidemiology and Infection Control, 3a ed. Filadelfia: Lippincott, Williams e Wilkins; 2004.

PREVENZIONE DELLE INFEZIONI ASSOCIATE ALL'ANESTESIA REGIONALE

Gli anestesisti non sono d'accordo sulla necessità di alcune precauzioni per il controllo delle infezioni. Ad esempio, diversi sondaggi hanno indicato che solo il 50%-66% del personale anestesista indossava maschere durante l'esecuzione di blocchi neurali epidurali e subaracnoidei.

Consigli NYSORA

  • Si consiglia di indossare una maschera durante l'inserimento di cateteri neuroassiali o periferici a permanenza.
  • Il camice sterile deve essere avvertito durante l'inserimento di cateteri epidurali o di blocco dei nervi.
  • La copertura sterile del trasduttore a ultrasuoni deve essere utilizzata di routine con procedure guidate da ultrasuoni.
  • La sorveglianza delle infezioni del sito del catetere è uno dei metodi più efficaci per ridurre l'incidenza e le conseguenze delle infezioni permanenti correlate al catetere.

La revisione degli studi sulle infezioni associate all'anestesia epidurale ha indicato che non vi è consenso sui fattori di rischio del paziente per le complicanze infettive del blocco neurale epidurale. Pochi studi valutano i fattori di rischio per l'infezione associata a blocchi neurali epidurali o subaracnoidei, forse in parte perché queste infezioni sono rare. In effetti, è stato condotto un solo studio caso-controllo per valutare i fattori di rischio per le infezioni associate al blocco neurale epidurale. Dawson e colleghi hanno valutato i blocchi neurali epidurali eseguiti per alleviare il dolore postoperatorio e hanno scoperto che le procedure eseguite tra aprile e agosto avevano un rischio sei volte maggiore rispetto a quelle eseguite negli altri mesi (IC 95% 1.28–28.12, p = .009). Il rischio di infezione era inferiore se per somministrare l'anestetico veniva utilizzata una sacca anziché una siringa (odds ratio 0.17, IC 95% 0.02–1.34, p = 05). Dei due fattori di rischio identificati da questo studio, solo quest'ultimo, l'uso di siringhe, potrebbe essere affrontato con cambiamenti nella pratica.

Partendo dal presupposto che le vie respiratorie del personale anestesista potessero essere una fonte di infezione, Philips e collaboratori hanno condotto una simulazione per valutare l'efficacia delle mascherine. Hanno fatto accomodare il personale di anestesia con e senza mascherine in una stanza con ambiente controllato e hanno chiesto loro di parlare davanti a piastre di agar sangue poste a 30 cm di distanza. Il numero di batteri sulle piastre era significativamente inferiore quando si indossavano le maschere. Tuttavia, il significato clinico di questo risultato è sconosciuto.

È stato dimostrato che la clorexidina riduce significativamente il rischio di infezioni del flusso sanguigno associate al catetere rispetto allo iodio povidone. Diversi ricercatori hanno cercato di determinare se un particolare disinfettante fornisce un'antisepsi cutanea più efficace prima dei blocchi neurali epidurali rispetto ad altri agenti. Tuttavia, nessuno degli studi era sufficientemente ampio per valutare i tassi di infezione; invece, gli esiti valutati erano la colonizzazione del catetere o della pelle.

Kasuda e colleghi hanno assegnato in modo casuale a 70 pazienti la preparazione della pelle con una soluzione alcolica allo 0.5% di clorexidina o al 10% di iodio-povidone. Dopo una mediana di 49 ± 7 ore, i ricercatori hanno rimosso i cateteri e ottenuto colture dei siti di inserimento e delle punte dei cateteri. Non c'era differenza nei tassi di culture positive.

Kinirons e collaboratori (gli unici ricercatori che hanno riportato un calcolo della potenza) hanno ottenuto colture da cateteri rimossi da 96 bambini che avevano cateteri epidurali per più di 24 ore. Il tasso di colonizzazione era inferiore per i cateteri rimossi da bambini la cui pelle era stata preparata con una soluzione alcolica allo 0.5% di clorexidina (1/52 cateteri, 0.9/100 giorni di catetere) rispetto a quelli rimossi da bambini la cui pelle era stata preparata con iodio-povidone ( 5/44 cateteri, 5.6/100 giorni-catetere) (rischio relativo 0.2, IC 95% 0.1–1.0).

TABELLA 6. Infezioni associate a blocco neurale subaracnoideo ed epidurale combinato.

Autore
(Riferimento)
AnnoIndicazioneTipo di
Infezione
Tempo di
Insorgenza dei sintomi
Segni e sintomiMicrorganismoRisultatoCommenti
Cascio e Heath1241995consegna vaginaleMeningite16 ore dopo il parto,
≈ 20 h dopo l'inserimento
Febbre, mal di testa, brividi, fotofobia, lieve rigidità nucaleStreptococcus
salivarius
Pieno recuperoL'anestesista indossava maschera, cappuccio e guanti sterili e usava spray iodio-povidone per l'antisepsi cutanea
Harding et al12519941. Parto vaginaleMeningite asettica21 ore dopo l'iniezioneForte mal di testa, sensazione di svenimento, mancanza di respiro, ritenzione urinaria, afasia,
formicolio lato destro
viso, rigidità del collo, segno di Kernig positivo, temperatura di basso grado
Nessuna crescitaPieno recuperoL'anestesista ha strofinato, indossato camice e guanti sterili e ha usato clorexidina alcolica per l'antisepsi cutanea
2. Parto vaginale convertito in taglio cesareo d'urgenzaMeningite3 giorni dopo l'operazioneMal di testa, febbre, vomito, forte torcicollo, numero elevato di globuli bianchi, ipotensione, bradicardiaStaphylococcus
epidermide
Pieno recuperoClorexidina alcolica usata per l'antisepsi cutanea
Stallard e Barry1261994Analgesia durante il travaglio, successivo taglio cesareoMeningite18 h dopo l'operazioneConfusione acuta, febbre, afasia, lato sinistro ignorato, conta leucocitaria elevataNessuna crescitaPieno recuperoHa eseguito tre procedure per ottenere un'analgesia adeguata; l'anestesista usava clorexidina alcolica per l'antisepsi cutanea e indossava maschera, camice e guanti
Aldeberto e Sleth1271996consegna vaginaleMeningite8 ore dopo la punturaMal di testa, nausea, febbre, agitazione, rigidità nucale, segno di Babinski positivoStreptococco non emoliticoPieno recuperoL'anestesista indossava maschera, camice, berretto e guanti sterili
Dysart e Balakrishnan1281997Taglio cesareoAscesso epidurale9 giorni dopo l'operazioneMal di schiena, febbre, piede cadente, debolezza dell'eversione e dell'inversione della caviglia, riflesso del jerk alla caviglia assente, diminuzione della sensazione di puntura da L5 alla regione perianale, velocità di eritrosedimentazione elevataStaphylococcus
aureus
Recupero quasi completo; il paziente aveva intorpidimento residuo nella distribuzione L5L'anestesista indossava maschera, camice e guanti e usava la clorexidina per l'antisepsi cutanea
Schroter et al1291997Anestesia per chirurgia vascolareAscesso epidurale1 giorno dopo la proceduraMal di schiena, febbre, lieve rigidità nucale, eritema e indurimento nel sito di puntura e drenaggio purulento dal sito di puntura, conta leucocitaria elevataS. aureusPieno recuperoL'anestesista indossava una maschera, un cappuccio chirurgico, guanti sterili e un camice e usava iodio-povidone per l'antisepsi cutanea
Bouhemed et al130 1998Taglio cesareoAscesso epidurale14 ore dopo il partoFebbre, forte mal di testa, fotofobia, sonnolenza, torcicollo,S. salivariusPieno recuperoL'anestesista indossava camice, guanti, maschera facciale e berretto e usava la tintura di iodio per l'antisepsi cutanea
Rathmell et al1142000Analgesia del travaglio in paziente con trauma multiploAscesso epidurale7 giorni dopo il posizionamento del catetereMal di schiena, secrezione purulenta dal sito di inserimentoS. aureusPieno recupero
Phillips et al62 2002Anestesia chirurgica e analgesia postoperatoriaAscesso epidurale Ll–L2Giorno 6Disagio in sede epidurale e forte dolore radicolare nel dermatoma L2, eritema e gonfiore in sede, forza ridotta, tocco leggero e puntura di spillo e perdita del riflesso del jerk alla cavigliaS. aureusDimesso dall'ospedale 3 mesi dopo il primo interventoL'anestesista indossava un berretto, un camice e guanti sterili e usava il 10% di iodio povidone per l'antisepsi cutanea
Sandkovskij et al131
2009ConsegnaMeningiteNSNSStreptococcus
spp.
NS
Pitkanen et al1132013Artroplastica totale dell'ancaAscesso epiduraleNSNSNSPieno recupero
Fonte: adattato con il permesso di Mayhall CG: Hospital Epidemiology and Infection Control, 3a ed. Filadelfia: Lippincott, Williams e Wilkins; 2004

Sato e colleghi hanno arruolato 60 pazienti che stavano subendo operazioni alla schiena in anestesia generale. Dopo aver preparato il sito con clorexidina alcolica allo 0.5% o iodio povidone al 10%, i ricercatori hanno ottenuto biopsie cutanee. Le colture della pelle preparate con la clorexidina alcolica avevano meno probabilità di essere positive (5.7%) rispetto alle colture della pelle preparate con iodio-povidone (32.4%; p <.01). Tuttavia, la microscopia aveva la stessa probabilità di identificare i batteri nei follicoli piliferi della pelle preparata con la soluzione alcolica di clorexidina (14.3%) come la pelle preparata con iodio povidone (11.8%).

Ciò ha portato alla raccomandazione di utilizzare la clorexidina alcolica per la preparazione della pelle nonostante alcune preoccupazioni sulla potenziale neurotossicità. Quest'ultimo potrebbe essere il motivo per cui i membri dell'American Society of Anesthesiologists (ASA) erano equivoci sulla questione durante il processo di consenso, mentre esperti esterni erano favorevoli alla raccomandazione.

Sviggum et al hanno pubblicato le esperienze della Mayo Clinic analizzando quasi 12,000 anestetici spinali tra il 2006 e il 2010 che utilizzavano clorexidina alcolica. Non hanno osservato alcun cambiamento nelle complicanze neurologiche, considerando la pratica sicura. Sfortunatamente, non sono stati riportati dati sulle complicanze infettive.

La sicurezza della clorexidina alcolica è stata sottolineata in uno studio sperimentale di Doan e colleghi. Hanno riscontrato danni alle colture cellulari neuronali con clorexidina e con iodio al 10% e potrebbero anche dimostrare che una concentrazione tossica rilevante di disinfettanti per la pelle non può essere raggiunta se la puntura viene eseguita attraverso la pelle secca. Pertanto, lasciare asciugare completamente la pelle una volta disinfettata prima di eseguire il blocco è più importante della scelta della soluzione al fine di prevenire qualsiasi effetto neurotossico.

Malhotra et al hanno dimostrato in uno studio su 309 volontari sani che una singola applicazione di clorexidina gluconato allo 0.5% in etanolo al 70% era efficace quanto due applicazioni. Il fatto che le infezioni raramente complichino i blocchi neuroassiali suggerisce che le pratiche di controllo delle infezioni utilizzate per queste procedure sono solitamente adeguato. Dati i tassi molto bassi di infezione associati al blocco neurale epidurale e subaracnoideo, sarà difficile dimostrare che ulteriori pratiche di controllo delle infezioni come indossare maschere e utilizzare precauzioni a barriera totale (cioè, l'anestesista indossa un cappuccio, maschera, guanti sterili e camice sterile e utilizza un ampio telo per coprire il paziente) riducono il rischio di infezione. Tuttavia, i batteri che colonizzano la pelle, le vie respiratorie o l'acqua hanno causato la maggior parte delle infezioni riportate dopo i blocchi neurali epidurali e subaracnoidei. È stato dimostrato che le maschere riducono la diffusione degli organismi quando parlano gli anestesisti. Pertanto, una maschera consentirebbe all'anestesista di parlare con il paziente durante l'esecuzione della procedura e potrebbe ridurre il rischio di contaminare il sito di inserimento con la flora orale o respiratoria. Questo è stato anche incorporato nell'ASA "Consulenza pratica per la prevenzione, la diagnosi e la gestione delle complicanze infettive associate alle tecniche neuroassiali".

Inoltre, i blocchi neurali epidurali e subaracnoidei sono almeno tanto invasivi quanto il posizionamento di cateteri venosi centrali e le conseguenze delle infezioni successive sono almeno altrettanto gravi di quelle per le infezioni del flusso sanguigno associate al catetere. Poiché l'uso di precauzioni a barriera completa riduce l'incidenza di infezioni del flusso sanguigno correlate al catetere, devono essere utilizzate misure asettiche simili a quelle utilizzate per posizionare i cateteri venosi centrali durante il posizionamento dei cateteri che rimarranno in posizione per diversi giorni o più. Sebbene l'avviso di pratica ASA utilizzi ancora il termine lavaggio delle mani prima di indossare camice e guanti sterili, la disinfezione delle mani con uno strofinamento alcolico (con il 70% di alcol) è lo standard preferito a livello internazionale.

Il personale di anestesia deve osservare attentamente i propri pazienti per segni e sintomi di infezione in modo che le infezioni possano essere diagnosticate e trattate immediatamente. Pegues e colleghi hanno esaminato le cartelle cliniche dal 1980 al 1992 di pazienti che avevano cateteri epidurali a breve termine per identificare coloro che hanno acquisito infezioni. Hanno seguito i pazienti in modo prospettico dal gennaio 1993 al giugno 1993.170 Nel 1990 hanno introdotto una procedura standardizzata per l'ispezione dei cateteri epidurali temporanei. Durante l'intero periodo di 12.5 anni, gli investigatori hanno identificato sette infezioni, tutte verificatesi dopo che i cateteri erano stati ispezionati di routine. L'aumentata incidenza dell'infezione potrebbe essere il risultato di errori di accertamento o errata classificazione associati alla revisione retrospettiva o da un maggiore uso di cateteri epidurali per la gestione del dolore durante il periodo di tempo successivo. D'altra parte, potrebbe indicare che le infezioni non sono state diagnosticate quando i cateteri non sono stati ispezionati di routine per segni di infezione.

Poiché può essere difficile aspirare gli oppioidi in modo sterile dalle fiale, alcuni hanno suggerito che questi farmaci vengano aspirati attraverso un filtro in una siringa, che viene quindi avvolta in doppio e sterilizzata in ossido di etilene. Tuttavia, il vantaggio di tali precauzioni estreme è altamente ipotetico. Brooks e colleghi sono stati tra i primi a implementare e riferire su misure strutturate di controllo delle infezioni per blocchi neuroassiali continui nel loro ospedale. Nel 2008, abbiamo esaminato la letteratura e confrontato le raccomandazioni per il controllo delle infezioni dell'ASRA e della Società tedesca di anestesiologia e terapia intensiva (DGAI) e abbiamo notato alcune discrepanze, soprattutto per quanto riguarda l'uso di maschere e camici o filtri. Nel 2010, nuove linee guida dell'ASA sono state sviluppate in un processo di consenso tra i membri dell'ASA e gli esperti esterni per chiarire alcune questioni. Tuttavia, le prove a sostegno di molte delle raccomandazioni rimangono scarse ed è necessaria l'estrapolazione da altre aree di attuazione pratica del controllo delle infezioni.

L'ASA "Practice Advisory for the Prevention, Diagnosis, and Management of Infectious Complications Associated With Neuraxial Techniques" ha pubblicato le seguenti linee guida per il posizionamento dei blocchi neuroassiali:

  • Prima di eseguire tecniche neuroassiali, devono essere condotti un'anamnesi e un esame obiettivo rilevanti per la procedura e la revisione degli studi di laboratorio pertinenti per identificare i pazienti che potrebbero essere a rischio di complicanze infettive. Considerare alternative alle tecniche neuroassiali per i pazienti ad alto rischio.
  • Quando le tecniche neuroassiali sono indicate in un paziente batteriemico noto o sospetto, considerare la somministrazione di una terapia antibiotica prima della procedura.
  • La scelta della tecnica neuroassiale deve essere determinata caso per caso, tenendo conto dell'evoluzione dello stato medico del paziente.
  • La puntura lombare deve essere evitata nel paziente con un noto ascesso epidurale.
  • Le tecniche asettiche devono essere sempre utilizzate durante la preparazione dell'attrezzatura (ad es. ecografia) e il posizionamento di aghi neuroassiali e cateteri, inclusi i seguenti:
    • Rimozione di gioielli (es. anelli e orologi); lavaggio delle mani; e indossare cuffie, maschere (che coprano bocca e naso e valutare la possibilità di cambiarle prima di ogni nuovo caso) e guanti sterili
    • Uso di pacchetti individuali di antisettici per la preparazione della pelle
    • Uso di clorexidina (preferibilmente con alcool) per la preparazione della pelle, consentendo un adeguato tempo di asciugatura
  • Telo sterile del paziente.
  • Uso di medicazioni occlusive sterili nel sito di inserimento del catetere.
  • I filtri batterici possono essere presi in considerazione durante l'infusione epidurale continua prolungata.
  • Limitare la disconnessione e la riconnessione dei sistemi di rilascio neuroassiali per ridurre al minimo il rischio di complicanze infettive.
  • Prendere in considerazione la rimozione dei cateteri accidentalmente scollegati senza testimoni. I cateteri non devono rimanere in situ più a lungo di quanto clinicamente necessario. Per la diagnosi e la gestione delle complicanze infettive dopo il blocco neuroassiale vengono fornite le seguenti raccomandazioni:
  • La valutazione quotidiana dei pazienti con cateteri permanenti per segni e sintomi precoci (p. es., febbre, mal di schiena, mal di testa, eritema e dolorabilità nel sito di inserimento) di complicanze infettive deve essere eseguita durante tutta la permanenza dei pazienti nella struttura.
  • Per ridurre al minimo l'impatto di una complicanza infettiva, occuparsi tempestivamente di segni o sintomi.
  • Se si sospetta un'infezione:
    • Rimuovere un catetere in situ e considerare la coltura della punta del catetere.
    • Ordina esami del sangue appropriati.
    • Ottieni culture appropriate.
    • Se si sospetta un ascesso o è presente una disfunzione neurologica, è necessario eseguire studi di imaging e consultare tempestivamente altre specialità appropriate.
  • Un'appropriata terapia antibiotica deve essere sempre somministrata al primo segno o sintomo di una grave infezione neuroassiale.
  • Dovrebbe essere presa in considerazione la consultazione con un medico esperto nella diagnosi e nel trattamento delle malattie infettive.

TABELLA 7. Sintesi delle raccomandazioni per la pratica di controllo delle infezioni.

 Colpo singolo
PIL
Educazione
Catetere PNB
Colpo singolo
Neuroassiale
Bloccare
Educazione
Catetere neuroassiale
Lungo Termine
Dispositivo impiantato/
catetere (ad es.
pompa intratecale)
Clorexidina al 2% in alcool al 70%.
preparazione della pellea
+++++
Telo sterile piccolo(+)+
Ampio telo sterile++++
Guanti sterili+++++
Camice sterile+ (soprattutto per stimolare i cateteri)(+)+
Maschera++++
Copertura per capelli++++
Antibiotici profilattici----+ dose singola perioperatoria
Filtro sul sistema di iniezione/infusione-(+)-(+)NA
O o sala per procedure speciali+
Tunnelling del catetere + (per prevenire la lussazione)+ se utilizzato per più di 3 giorni
Preparazione della soluzione per iniezione/infusione in condizioni sterili (farmacia)(+) per infusione continua(+) per infusione continua
+ fortemente raccomandato; (+) considerare; - non consigliato; NA = non applicabile; PNB = blocco nervoso periferico.
aIn alternativa, iodio povidone al 10% o alcol all'80% o una miscela di alcol dal 70% all'80% con iodio povidone per almeno 3 minuti. La scelta dell'agente dipende anche dal tipo di blocco (ad es., blocchi oculari, ecc.).

Tuttavia, le linee guida e le procedure operative standard da sole non sono sufficienti per garantire una tecnica asettica adeguata. Friedman e colleghi hanno mostrato in un'analisi su videocassetta di 35 posizionamenti epidurali da parte di residenti del secondo anno un aumento significativo delle abilità manuali con una crescente esperienza, ma non vi è stato alcun aumento della tecnica asettica. Ciò evidenzia la necessità di un'attenzione particolare alla tecnica asettica in residenza e durante gli audit di controllo delle infezioni degli anestesisti.

BLOCCHI PERIFERICI E CATETERI PERIFERICI CONTINUI

Studi recenti hanno indicato che protocolli di controllo delle infezioni simili alle raccomandazioni per il blocco neuroassiale possono ridurre l'incidenza di complicanze infettive associate al posizionamento di cateteri nervosi periferici continui. Sfortunatamente, l'efficacia di ogni passaggio è difficile da valutare, un problema familiare a tutti gli altri approcci raccomandati per il controllo delle infezioni, come quelli per la prevenzione delle infezioni del flusso sanguigno associate alla linea centrale o della polmonite associata al ventilatore.

Con il crescente utilizzo degli ultrasuoni in tempo reale, la corretta gestione della sonda ecografica diventa un'ulteriore preoccupazione. Per mantenere il campo asettico, il cavo e la sonda devono essere coperti con una guaina sterile per evitare la contaminazione in caso di contatto con l'ago. Utilizzare gel di contatto sterile o soluzione fisiologica sterile all'interno della guaina. Gli aiuti per la puntura che fissano l'ago alla sonda devono essere sterili. Dopo la procedura, le sonde ad ultrasuoni devono essere pulite rimuovendo ogni residuo di gel e disinfettate con un disinfettante appropriato che non possa danneggiare la sonda. Sono allo studio tecniche alternative che utilizzano la luce ultravioletta per disinfettare le sonde a ultrasuoni.

SOMMARIO

Anche se rare, si verificano complicazioni infettive dovute all'anestesia regionale e all'analgesia e possono essere gravi. Linee guida recenti offrono raccomandazioni pratiche soprattutto per i blocchi neuroassiali. Tabella 7 riassume le raccomandazioni chiave per ridurre il rischio di infezioni correlate alle procedure di anestesia regionale. I sistemi di sorveglianza dovrebbero essere implementati nell'ambito dei programmi nazionali di garanzia della qualità per consentire l'analisi comparativa e l'ottimizzazione dei processi, oltre a fornire dati da grandi database di popolazione, il che sarebbe utile per affrontare alcune delle domande senza risposta sulle infezioni dopo le procedure di anestesia regionale.

RIFERIMENTI

  • Schulz-Stübner S, Kelley J: Sistema di sorveglianza dell'anestesia regionale: prime esperienze con uno strumento di valutazione della qualità per l'anestesia e l'analgesia regionale. Acta Anesthesiol Scand 2007;51:305–315.
  • Barrington MJ, Watts SA, Gledhill SR, et al: Risultati preliminari dell'Australasian Regional Anesthesia Collaboration: un audit prospettico di oltre 7000 blocchi nervosi periferici per complicazioni neurologiche e di altro tipo. Reg Anesth Antidolorifico 2009;34:534–541.
  • Liu SS, Wu CL, Ballantyne JC, e altri: dove nel mondo si trova ASRA Acute POP? Reg Anesth Antidolorifico 2009;34:269–274.
  • Schulz-Stübner S, Czaplik M. Gestione della qualità nell'anestesia regionale utilizzando l'esempio del sistema di sorveglianza dell'anestesia regionale (RASS). Schmerz 2013;27:56–66.
  • Lee JS, Hayanga AJ, Kubus JJ, et al: Anestesia locale: una strategia per ridurre le infezioni del sito chirurgico. Mondo J Surg 2011;35:2596–2602.
  • Loftus R, Brown JR, Koff M, et al: serbatoi multipli contribuiscono alla trasmissione batterica intraoperatoria. Anesth Anal 2012;114. 1236–1248.
  • North JB, Brophy BP: Ascesso epidurale: un rischio di anestesia epidurale spinale. Aust NZJ Surg 1979; 49: 484–485.
  • Trautmann M, Lepper PM, Schmitz FJ: Tre casi di meningite batterica dopo anestesia spinale ed epidurale. Eur J Clin Microbiol Infect Dis 2002;21:43–45.
  • Schneeberger PM, Janssen M, Voss A: Streptococchi alfa-emolitici: uno dei principali agenti patogeni della meningite iatrogena dopo puntura lombare. Case report e revisione della letteratura. Infezione 1996;24: 29–33.
  • Rubin L, Sprecher H, Kabaha A, et al: Meningite dopo anestesia spinale: 6 casi in 5 anni. Infect Control Hosp Epidemiol 2007; 28:1187–1190.
  • Centers for Disease Control and Prevention (CDC): meningite batterica dopo anestesia intrapartum, New York e Ohio, 2008–2009. MMWR Morb Mortal Wkly Rep 2010;29:65–69.
  • Baker AS, Ojemann RG, Swartz MN, et al: Ascesso epidurale spinale. N Inglese J Med 1975;293:463–468.
  • Loarie DJ, Fairley HB: ascesso epidurale dopo anestesia spinale. Anesth Analg 1978;57:351–353.
  • Berman RS, Eisele JH: batteriemia, anestesia spinale e sviluppo della meningite. Anestesiologia 1978;48:376–377.
  • Pinczower GR, Gyorke A: Osteomielite vertebrale come causa di mal di schiena dopo anestesia epidurale. Anestesiologia 1996;84:215–217.
  • Wulf H, Striepling E: risultati post mortem dopo anestesia epidurale. Anestesia 1990;45:357–361.
  • Bengtsson M, Nettelblad H, Sjoberg F: Infezioni extradurali correlate al catetere in pazienti con ferite cutanee infette. Fr. J Anaesth 1997;79:668–670.
  • Newman B: Infezioni extradurali correlate al catetere in pazienti con ferite cutanee infette. Fr. J Anaesth 1998;80:566.
  • Gritsenko K, Marcello D, Liguori GA, et al: Meningite o ascesso epidurale dopo blocco neuroassiale per la rimozione di protesi dell'anca o del ginocchio infette. Fr. J Anesth 2012;108:485–490.
  • Schmidt RM, Rosenkranz HS: Attività antimicrobica degli anestetici locali: Lidocaina e procaina. J Infect Dis 1970;121:597–607.
  • Berry CB, Gillespie T, Hood J, et al: Crescita di microrganismi in soluzioni di agenti anestetici per via endovenosa. Anestesia 1993;48: 30–32.
  • Sosis M, Braverman B: Crescita di Staphylococcus aureus in quattro anestetici per via endovenosa. Anesth Analg 1993;77:766–768.
  • Wong MR, Del Rosso P, Heine L, et al: Un focolaio di batteriemia di Klebsiella pneumoniae e Enterobacter aerogenes dopo procedure di gestione del dolore interventistiche. New York City 2008. Reg Anesth Pain Med 2010;35:496–499.
  • Kauffmann CA, Pappas PG, Patterson TF: Infezioni fungine associate a infezioni contaminate da metilprednisolone: ​​rapporto preliminare. NEJM 2012. doi:10.1056/NEJMra1212617.
  • James FM, George RH, Naiem H, et al: Aspetti batteriologici dell'analgesia epidurale. Anesth Analg 1976;55:187–190.
  • Shapiro JM, Bond EL, Garman JK: Uso di una medicazione a base di clorexidina per ridurre la colonizzazione microbica dei cateteri epidurali. Anestesiologia 1990;73:625–631.
  • Barreto RS: Cultura batteriologica di cateteri epidurali a permanenza. Anestesiologia 1962;23:643–646.
  • Hunt JR, Rigor BM, Collins JR: Il potenziale di contaminazione dei cateteri epidurali continui. Anesth Analg 1977;56:222–225.
  • Ross RM, Burday M, Baker T: Contaminazione di una singola dose di fiale di bupivacaina usate ripetutamente nello stesso paziente [Abstract]. Anesth Analg 1992;74:S257.
  • Raedler C, Lass-Florl C, Puhringer F, et al: contaminazione batterica degli aghi utilizzati per l'anestesia spinale ed epidurale. Fr. J Anaesth 1999;83: 657–658.
  • Edwards WB, Hingson RA: Lo stato attuale dell'analgesia caudale continua in ostetricia. NY Acad Med Bull 1943; 19: 507–518.
  • Ferguson JF, Kirsch WM: empiema epidurale dopo blocco extradurale toracico. Caso clinico. J Neurosurg 1974;41:762–764.
  • Saady A: Ascesso epidurale che complica l'analgesia epidurale toracica. Anestesiologia 1976;44:244–246.
  • Wenningsted-Torgard K, Heyn J, Willumsen L: Spondilite a seguito di morfina epidurale. Acta Anaesth Scand 1982;26:649–651.
  • McDonogh AJ, Cranney BS: presentazione ritardata di un ascesso epidurale. Terapia intensiva di Anaesth 1984;12:364–365.
  • Konig HJ, Schleep J, Krahling KH: Ein Fall von Querschnittsyndrom nach Kontamination eines Periduralkatheters. Reg Anaesth 1985;8: 60–62.
  • Sollman WP, Gaab MR, Panning B: Lumbales epidurales Hämatom und spinaler Abszess nach Periduralanästhesie. Reg Anaesth 1987;10: 121–124.
  • Fine PG, Hare BD, Zahniser JC: Ascesso epidurale dopo cateterizzazione epidurale in un paziente con dolore cronico: un dilemma diagnostico. Anestesiologia 1988;69:422–424.
  • Ready LB, Helfer D: meningite batterica nelle partorienti dopo anestesia epidurale. Anestesiologia 1989;71:988–990.
  • Berga S, Trierweiler MW: Meningite batterica dopo anestesia epidurale per parto vaginale: un caso clinico. Obstet Gynecol 1989; 74:437–439.
  • Goucke CR, Graziotti P: Ascesso extradurale a seguito di anestetico locale e iniezione di steroidi per lombalgia cronica. Fr. J Anaesth 1990;65: 427–429.
  • Lynch J, Zech D: Spondilite senza formazione di ascessi epidurali in seguito all'uso a breve termine di un catetere epidurale. Acta Anaesthesiol Scand 1990;34:167–170.
  • WE forte: ascesso epidurale associato a cateterizzazione epidurale: un evento raro? Segnalazione di due casi con presentazione marcatamente ritardata. Anestesiologia 1991;74:943–946.
  • Klygis LM, Reisberg BE: ascesso epidurale spinale causato da streptococchi di gruppo G. Am J Med 1991;91:89–90.
  • Dawson P, Rosenfeld JV, Murphy MA, et al: Ascesso epidurale associato ad analgesia epidurale postoperatoria. Anesth Intens Care 1991;19: 569–591.
  • Ferguson CC: Infezione e spazio epidurale: un caso clinico. AANA J 1992;60:393–396.
  • NganKee WD, Jones MR, Thomas P, et al: Ascesso epidurale che complica l'anestesia extradurale per taglio cesareo. Fr. J Anaesth 1992;69: 647–652.
  • Sowter MC, Burgess NA, Woodsford PV, et al: presentazione ritardata di un ascesso extradurale che complica l'analgesia extradurale toracica. Fr. J. Anaesth 1992; 68:103–105.
  • Shintani S, Tanaka H, ​​Irifune A, et al: Ascesso epidurale spinale acuto iatrogeno con meningite settica: reperti MR. Clin Neurol Neurosurge 1992;94:253–255.
  • Nordstrom O, Sandin R: presentazione ritardata di un ascesso extradurale in un paziente con abuso di alcol. Fr. J Anaesth 1993;70:368–369.
  • Davis L, Hargreaves C, Robinson PN: meningite postpartum. Anestesia 1993;48:788–789.
  • Ania BJ: meningite da Staphylococus aureus dopo analgesia epidurale a breve termine. Clin Infect Dis 1994;18:844–845.
  • Borum SE, McLeskey CH, Williamson JB, et al: Ascesso epidurale dopo analgesia epidurale ostetrica. Anestesiologia 1995;82:1523–1526.
  • Liu SS, Papa A: Meningite spinale mascherata da mal di testa da puntura postdurale [Lettera]. Anestesiologia 1996;85:1493–1494.
  • Dunn LT, Javed A, Findlay G, et al: Infezione spinale iatrogena dopo anestesia epidurale: caso clinico. Eur Spine J 1996;5:418–420.
  • Cooper AB, Sharpe MD: meningite batterica e sindrome della cauda equina dopo iniezioni di steroidi epidurali. Can J Anaesth 1996;43: 471–475.
  • Barontini F, Conti P, Marello G, et al: Principali sequele neurologiche dell'anestesia epidurale lombare. Denuncia di tre casi. Ital J Neurol Sci 1996; 17:333–339.
  • Sarrubi FA, Vasquez JE: Ascesso epidurale spinale associato all'uso di cateteri epidurali temporanei: relazione di due casi e revisione. Clin Infect Dis 1997:25:1155–1158.
  • Iseki M, Okuno S, Tanabe Y, et al: Sepsi da Staphylococcus aureus resistente alla meticillina risultante da infezione nel muscolo paravertebrale dopo infusione epidurale continua per il controllo del dolore in un paziente con herpes zoster. Anesth Analg 1998;87:116–118.
  • O'Brien DPK, Rawluk DJR: infezione da micobatterio iatrogeno dopo un'iniezione epidurale. Colonna vertebrale 1999;24:1257–1259.
  • Halkic N, Blanc C, Corthesy ME, et al: Spondilodiscite lombare dopo anestesia epidurale in un sito distante [Lettera]. Anestesia 2001;56: 602–603.
  • Phillips JMG, Stedeford JC, Hartsilver E, et al: Ascesso epidurale che complica l'inserimento dei cateteri epidurali. Fr. J Anaesth 2002;89:778–782.
  • Royakkers AA, Willigers H, van der Ven AJ, et al: Ascessi epidurali correlati al catetere: non aspettare deficit neurologici. Acta Anaesthesiol Scand 2002;46:611–61553.
  • Hagiwara N, Hata J, Takaba H, et al: insorgenza tardiva di ascesso epidurale spinale dopo cateterizzazione epidurale spinale. No a Shinkei 2003;55: 633–636.
  • Evans PR, Misra U: Scarso esito dopo l'ascesso epidurale che complica l'analgesia epidurale per il travaglio. Eur J Obstet Gynecol Reprod Biol 2003;109:102–105.
  • Yue WM, Tan SB: Discite a livello di salto a distanza e osteomielite vertebrale dopo iniezione epidurale caudale: un caso clinico di una rara complicanza delle iniezioni epidurali. Colonna vertebrale 2003;11:E209–E211.
  • Aiba S, Odaka M, Hirata K: Caso di ascesso epidurale spinale con ampia lesione dopo anestesia epidurale. Nervo cerebrale 2009;61:614–615.
  • Radif A, Dalsgaard LB: ascesso sottocutaneo dopo cateterizzazione epidurale. Ugeskr Laeger 2009;171:1938–1939.
  • Hagiwara N, Hata J, Takaba, et al: esordio tardivo di ascesso epidurale spinale dopo cateterizzazione epidurale spinale.No To Shinkei 2003;55:633–636.
  • Mamourian AC, Dickman CA, Drayer BP, et al: Ascesso epidurale spinale: tre casi dopo l'iniezione epidurale spinale dimostrati con risonanza magnetica. Anestesiologia 1993;78:204–207.
  • Tabo E, Ohkuma Y, Kimura S, et al: Drenaggio percutaneo riuscito dell'ascesso epidurale con ago epidurale e catetere. Anestesiologia 1994; 80:1393–1395.
  • Wang JS, Fellows DG, Vakharia S, et al: Ascesso epidurale: rilevamento precoce della risonanza magnetica e terapia conservativa. Anesth Analg 1996;82:1069–1071.
  • Laurila JJ, Kostamovaara PA, Alahuhta S: meningite da Streptococcus salivarius dopo anestesia spinale. Anestesiologia 1998;89:1579–1580.
  • Dawkins CJM: Un'analisi delle complicanze del blocco extradurale e caudale. Anestesia 1969;24:554–563.
  • Dawson SJ: Infezioni da catetere epidurale. J Hosp Infect 2001;47:3–8.
  • Scott DB, Hibbard BM: Complicanze gravi non fatali associate al blocco extradurale nella pratica ostetrica. Fr. J Anaesth 1990;64:537–541.
  • Palot M, Visseaux H, Botmans C, et al: Epidemiologie des complicazioni de l'analgesie peridurale obstetricale. Cah Anesthesiol 1994;42: 229–233.
  • Eisen SM, Rosen N, Winesanker H, et al: L'uso di routine dell'anestesia epidurale lombare in ostetricia: una revisione clinica di 9,532 casi. Can Anaesth Soc J 1960;7:280–289.
  • Holdcroft A, Morgan M: Complicanze materne dell'analgesia epidurale ostetrica. Anaesth Intens Care 1976;4:108–112.
  • Abouleish E, Amortegui AJ, Taylor FH: sono necessari filtri batterici nell'analgesia epidurale continua per l'ostetricia? Anestesiologia 1977;46: 351–354.
  • Auroy Y, Benhamou D, Bargues L, et al: Principali complicazioni dell'anestesia regionale in Francia: il servizio SOS Regional Anesthesia Hotline. Anestesiologia 2002;97:1274–1280.
  • Sethna NF, Berde CB, Wilder RT, et al: Il rischio di infezione da analgesia epidurale pediatrica è basso [Abstract]. Anestesiologia 1992;77(3A): A1158.
  • Darchy B, Forceville X, Bavoux E, et al: indagine clinica e batteriologica dell'analgesia epidurale nei pazienti in terapia intensiva. Anestesiologia 1996;85:988–998.
  • McNeely JK, Trentadue NC, Rusy LM, et al: Cultura di batteri da cateteri epidurali lombari e caudali utilizzati per l'analgesia postoperatoria nei bambini. Reg Anesth 1997;22:428–431.
  • Abel MD, Horlocker TT, Messick JM, et al: Complicanze neurologiche in seguito al posizionamento di 4392 cateteri epidurali consecutivi in ​​pazienti anestetizzati [Abstract]. Reg Anesth Pain Med 1998;23(Suppl 3):3.
  • Grass JA, Haider N, Group M, et al: Incidenza di complicanze legate al cateterismo epidurale e al mantenimento dell'analgesia postoperatoria [Abstract]. Reg Anesth Antidolorifico 1998;23:108.
  • Kost-Byerly S, Tobin JR, Greenberg RS, et al: Colonizzazione batterica e tasso di infezione dei cateteri epidurali continui nei bambini. Anesth Analg 1998;86:712–716.
  • Brooks K, Pasero C, Hubbard L, et al: Il rischio di infezione associato all'analgesia epidurale. Infect Control Hosp Epidemiol 1995;16: 725–726.
  • Holt HM, Andersen SS, Andersen O, et al: Infezioni a seguito di cateterizzazione epidurale. J Hosp Infect 1995;30:253–260.
  • Holt HM, Gahrn-Hansen B, Andersen SS, et al: Infezioni a seguito di cateteri epidurali [Lettera]. J Hosp Infect 1997;35:245.
  • Stafford MA, Wilder RT, Berde CB: il rischio di infezione da analgesia epidurale nei bambini: una revisione di 1620 casi. Anesth Analg 1995;80: 234–238.
  • Du Pen SL, Peterson DG, Williams A, et al: Infezione durante il cateterismo epidurale cronico: diagnosi e trattamento. Anestesiologia 1990;73:905–909.
  • Zenz M, Piepenbrock S, Tryba M: Oppiacei epidurali: esperienze a lungo termine nel dolore da cancro. Klin Wochenschr 1985;63:225–229.
  • Coombs DW: Gestione del dolore cronico mediante oppioidi epidurali e intratecali: farmaci e sistemi di somministrazione più recenti. Int Anesth Clin 1986;24: 59–74.
  • Yaniv LG, Potasman I: Meningite iatrogena: un ruolo crescente per gli streptococchi viridans resistenti? Caso clinico e revisione degli ultimi 20 anni. Scand J Infect Dis 2000;32:693–696.
  • Corbett JJ, Rosenstein BJ: meningite da Pseudomonas correlata all'anestesia spinale. Report di tre casi con una fonte comune. Neurologia 1971;21:946–950.
  • Siegel RS, Alicandri FP, Jacoby AW: Infezione sottogluteale in seguito ad anestesia regionale [Lettera]. JAMA 1974;229:268.
  • Beaudoin MG, Klein L: Ascesso epidurale a seguito di anestetici spinali multipli. Anaesth Intens Care 1984;12:163–164.
  • Abdel-Magid RA, Kotb HI: ascesso epidurale dopo anestesia spinale: un esito favorevole. Neurochirurgia 1990;27:310–311.
  • Roberts SP, Petts HV: Meningite dopo anestesia spinale ostetrica. Anestesia 1990;45:376–377.
  • Lee JJ, Parry H: Meningite batterica dopo anestesia spinale per taglio cesareo. Fr. J Anaesth 1991;66:383–386.
  • Blackmore TK, Morley HR, Gordon DL: batteriemia e meningite indotte da Streptococcus mitis dopo anestesia spinale. Anestesiologia 1993;78:592–594.
  • Ezri T, Szmuk P, Guy M: Meningite a insorgenza ritardata dopo anestesia spinale [Lettera]. Anesth Analg 1994;79:606–607.
  • Mahendru V, Bacon DR, Lema MJ: ascessi epidurali multipli e anestesia spinale in un paziente diabetico. Caso clinico. Reg Anesth 1994;19: 66–68.
  • Gebhard JS, Brugman JL: Disectomia percutanea per il trattamento della discite batterica. Colonna vertebrale 1994;19:855–857.
  • Newton JA Jr, Lesnik IK, Kennedy CA: Meningite da Streptococcus salivarius dopo anestesia spinale [Lettera]. Clin Infect Dis 1994;18:840–841.
  • Kaiser E, Suppini A, de Jaureguiberry JP, et al: Meningite aigue a Streptococcus salivarius après rachianesthesie. Ann padre Anesth Reanim 1997;16:47–49.
  • Fernandez R, Paz I, Pazos C, et al: Meningitis producida por Streptococcus mitis tras anestesia intradurale [Lettera]. Enferm Infecc Microbiol Clin 1999;17:150.
  • Horlocker TT, McGregor DG, Matsushige DK, et al: Una revisione retrospettiva di 4767 anestetici spinali consecutivi: complicazioni del sistema nervoso centrale. Gruppo di risultati perioperatori. Anesth Anal. 1997;84: 578–584.
  • Hadzic A, Koluder-Cimic N, Hadzovic-Cengic M, et al: Serratia marcescens meningite dopo anestesia spinale e artroscopia. Med Arh 2012;66(S1):54–55.
  • Cervero M: meningite da Streptococcus salivarus dopo anestesia subaracnoidea. Enferm Infecc Microbiol Clin 2009;27:371–372.
  • Kundra S, Singh RM, Grewal A, et al: Fascite necrotizzante dopo anestesia spinale. Acta Anesthesiol Scand 2013;257–261.
  • Pitkänen MT, Aromaa U, Cozanitis DA, et al: Complicanze gravi associate all'anestesia spinale ed epidurale in Finlandia dal 2000 al 2009. Acta Anesthesiol Scand 2013;57:553–564. doi:10.1111/aas.12064.
  • Rathmell JP, Garahan MB, Alsofrom GF: Ascesso epidurale dopo analgesia epidurale. Reg Anesth Antidolorifico 2000;25:79–82.
  • Herwaldt LA, Pottinger JM, Coffin SA, Schulz-Stübner S: infezioni nosocomiali associate all'anestesia. In Mayhall CG (a cura di): epidemiologia ospedaliera e controllo delle infezioni, 3a ed. Lippincott, Williams e Wilkins, 2004, pp 1073–1117.
  • Evans FT: Sepsi e asepsi nell'analgesia spinale. Proc R Soc Med 1945;39:181–185.
  • Scarborough RA: Anestesia spinale dal punto di vista del chirurgo. JAMA 1958;168:1324–1326.
  • Dripps RD, Vandam LD: follow-up a lungo termine di pazienti che hanno ricevuto 10,098 anestetici spinali. JAMA 1954;156:1486–1491.
  • Moore DC, Bridenbaugh LD: blocco spinale (subaracnoideo). JAMA 1966;195:907–912.
  • Lund PC, Cwik JC: tendenze moderne nell'anestesia spinale. Can Anaesth Soc J 1968;15:118–134.
  • Sadove MS, Levin MJ, Rant-Sejdinaj I: complicazioni neurologiche dell'anestesia spinale. Can Anaesth Soc J 1961;8:405–416.
  • Arner O: Complicazioni in seguito ad anestesia spinale. Il loro significato e una tecnica per ridurne l'incidenza. Acta Chir Scand 1952; 104: 336–338.
  • Pugely AJ, Martin CT, Gao Y, et al: Differenze nelle complicanze a breve termine tra anestesia spinale e generale per l'artroplastica totale del ginocchio primaria. J Bone Joint Surg Am 2013;95:193–199.
  • Cascio M, Heath G: Meningite a seguito di tecnica combinata spinale-epidurale in parto travaglio. Can J Anaesth 1996;43: 399–402.
  • Harding SA, Collis RE, Morgan BM: Meningite dopo anestesia spinale-extradurale combinata in ostetricia. Fr. J Anaesth 1994;73: 545–547.
  • Stallard N, Barry P: Un'altra complicazione della tecnica combinata extradurale-subaracnoidea [Lettera]. Fr. J Anaesth 1995;75:370–371.
  • Aldebert S, Sleth JC: Meningite bacterienne dopo l'anestesia rachidienne e peridurale combinata en obstetrique. Ann padre Anesth Reanim 1996;15: 687–688.
  • Dysart RH, Balakrishnan V: Gestione conservativa dell'ascesso extradurale che complica l'anestesia spinale-extradurale per taglio cesareo. Fr. J Anaesth 1997;78:591–593.
  • Schroter J, Wa Djamba D, Hoffmann V, et al: Ascesso epidurale dopo blocco spinale-epidurale combinato. Can J Anaesth 1997;44:300–304.
  • Bouhemad B, Dounas M, Mercier FJ, et al: Meningite batterica a seguito di analgesia spinale-epidurale combinata per il travaglio. Anestesia 1998;53:290–295.
  • Sandkovsky U, Mihu MR, Adeyeye A, et al: Meningite iatrogena in un paziente ostetrico dopo analgesia spinale-epidurale combinata: caso clinico e revisione della letteratura. Sud Med J 2009;102:287–290.
  • Peng PW, Chan VW: blocco locale e regionale nel controllo del dolore postoperatorio. Surg Clin North Am 1999;79:345–370.
  • Graf BM, Martin E: Blocco del nervo periferico. Una panoramica dei nuovi sviluppi in una vecchia tecnica [in tedesco]. Anestesista 2001;50: 312–322.
  • Bergman BD, Hebl JR, Kent J, et al: Complicazioni neurologiche di 405 cateteri ascellari continui consecutivi. Anesth Analg 2003;96: 247–252.
  • Meier G, Bauereis C, Heinrich C: catetere del plesso brachiale interscalenico per anestesia e terapia del dolore postoperatoria. Esperienza con una tecnica modificata [in tedesco]. Anestesista 1997;46:715–719.
  • Nseir S, Pronnier P, Soubrier S, et al: Fascite necrotizzante streptococcica fatale come complicanza del blocco del plesso brachiale ascellare. Fr. J Anaesth 2004;92:427–429.
  • Adam F, Jaziri S, Chauvin M: Ascesso Psoas che complica il catetere di blocco del nervo femorale. Anestesiologia 2003;99:230–231.
  • Cuvillon P, Ripart J, Lalourcey L, et al: Il catetere di blocco del nervo femorale continuo per l'analgesia postoperatoria: colonizzazione batterica, tasso di infezione ed effetti avversi. Anesth Analg 2001;93:1045–1049.
  • Compère V, Rey N, Baert O, et al: Complicanze maggiori dopo 400 blocchi continui del nervo sciatico popliteo per analgesia post-operatoria. Acta Anesth Scand 2009;53:339–345.
  • Volk T, Engelhardt L, Spies C, et al: Incidenza di infezione da procedure con catetere in anestesia regionale: primi risultati dalla rete di DGAI e BDA. Anestesista 2009;58:1107–1112.
  • Reisig F, Neuburger M, Zausig YA et al: Controllo delle infezioni riuscito nelle procedure di anestesia regionale: indagine osservazionale dopo l'introduzione delle raccomandazioni igieniche della DGAI. Anestesista 2013;62: 105–112.
  • Davlin LB, Aulicino PL: Osteomielite della testa metacarpale dopo anestesia con blocco digitale. Ortopedia 1999;22:1187–1188.
  • Basu A, Bhalaik V, Stanislas M, et al: Osteomielite dopo un blocco di ematoma. Infortunio 2003;34:79–82.
  • Dahlmann AH, Appaswamy S, Headon MP: Cellulite orbitale in seguito all'anestesia di sub-Tenon. Occhio 2002;16:200–201.
  • Redmill B, Sandy C, Rose GE: cellulite orbitale a seguito di incollaggio corneale in anestesia locale di sub-Tenon. Occhio 2001;15:554–556.
  • Capdevilla X, Jaber S, Pesonen P, et al: Celluliti acute del collo e mediastinite che complicano un blocco interscalenico continuo. Anesth Analg 2008;107:1419–1421.
  • Sato Y, Suzino K, Suzuku A, et al: Caso di infezione cutanea primaria da aspergillus cadioustus causata dalla terapia del blocco nervoso. Med Mycol J 2011;52:239–244.
  • Delfosse F, Pronnier P, Levent T: Infezioni che complicano il catetere del nervo femorale per l'analgesia postoperatoria: circa due casi. Ann padre Anesth Reanim 2011;30:516–520.
  • Wildsmith JA: L'anestesia regionale richiede attenzione ai dettagli [Lettera]. Fr. J Anaesth 1991;67:224–225.
  • Yentis SM: Indossare maschere facciali per l'anestesia spinale [Lettera]. Fr. J Anaesth 1992,68:224.
  • Wildsmith JA: Indossare maschere per l'anestesia spinale [Lettera]. Fr. J Anaesth 1992,68:224.
  • O'Kelly SW, Marsh D: Maschere per il viso e anestesia spinale [Lettera]. Fr. J Anaesth 1993;70:239.
  • Wildsmith JA: Maschere per il viso e anestesia spinale [Lettera]. Fr. J Anaesth 1993;70:239.
  • Bromage PR: meningite postpartum [Lettera]. Anestesia 1994;49:260.
  • Smedstad KG: Infezione dopo blocco neuroassiale centrale [editoriale]. Can J Anaesth 1997;44:235–238.
  • Panikkar KK, Yentis SM: Indossare maschere per anestesia regionale ostetrica. Un sondaggio postale Anestesia 1996;51:398–400.
  • O'Higgins F, Tuckey JP: Anestesia epidurale toracica e analgesia: pratica nel Regno Unito. Acta Anaesthesiol Scand 2000;44: 1087–1092.
  • Sleth JC: Evaluation des mesures d'asepsie lors de la realizzazione d'un catheterisme epidurale et percezione de son risqué infectieux. Resultats d'une enquete in Linguadoca-Rossiglione. Ann padre Anesth Reanim 1998;17:408–414.
  • Dawson SJ, Small H, Logan MN, et al: Studio caso-controllo di infezioni da catetere epidurale in un ospedale generale distrettuale. Commun Dis Public Health 2000;3:300–302.
  • Philips BJ, Fergusson S, Armstrong P, et al: Le mascherine chirurgiche sono efficaci nel ridurre la contaminazione batterica causata dalla dispersione dalle vie aeree superiori. Fr. J Anaesth 1992;69:407–408.
  • Chaiyakunapruk N, Veenstra DL, Lipsky BA, et al: Cura del sito del catetere vascolare: i vantaggi clinici ed economici della clorexidina gluconato rispetto allo iodio povidone. Clin Infect Dis 2003;37(6):764–771.
  • Adam MN, Dinulescu T, Mathieu P, et al: Comparaison de l'efficaciacite de deux antiseptiques dans la prevenzione de l'infection liee aux catheters periduraux. Can Anesthesiol 1996;44:465–467.
  • Kasuda H, Fukuda H, Togashi H, et al: Disinfezione della pelle prima del cateterismo epidurale: studio comparativo di iodio-povidone rispetto a clorexidina etanolo. Dermatologia 2002;204(Suppl 1):42–46.
  • Kinirons B, Mimoz O, Lafendi L, et al: Clorexidina contro iodio povi-done nella prevenzione della colonizzazione dei cateteri epidurali continui nei bambini. Anestesiologia 2001;94:239–244.
  • Sato S, Sakuragi T, Dan K: La flora cutanea umana come potenziale fonte di ascesso epidurale. Anestesiologia 1996;85:1276–1282.
  • Sviggum HP, Jacob AK, Arendt KW, et al: Complicanze neurologiche dopo l'antisepsi alla clorexidina per l'anestesia spinale. Reg Anesth Antidolorifico 2012;37:139–144.
  • Doan L, Piskoun B, Rosenberg AD, et al: effetti antisettici in vitro sulla vitalità delle cellule neuronali e di Schwann. Reg Anesth Antidolorifico 2012;37:131–138.
  • Malhotra S, Dharmadasa A, Yentis SM: una contro due applicazioni di clorexidina/etanolo per la disinfezione della pelle: implicazioni per l'anestesia regionale. Anestesia 2011;574–578.
  • Consulenza pratica ASA per la prevenzione, la diagnosi e la gestione delle complicanze infettive associate alle tecniche neuroassiali: un rapporto dell'American Society of Anesthesiologists Task Force sulle complicanze infettive associate alle tecniche neuroassiali. Anestesiologia 2010;112:530–545.
  • Raad II, Hohn DC, Gilbreath BJ, et al: Prevenzione delle infezioni correlate al catetere venoso centrale utilizzando le massime precauzioni di barriera sterile durante l'inserimento. Infect Control Hosp Epidemiol 1994;15:231–238.
  • Kerwat K, Schulz-Stübner S, Steinfeldt T, Kessler P, Volk T, Gastmeier P, Geffers C, Ermert T, Boschin MG, Wiesmann T, Wulf H. Hygieneempfehlungen für die Regionalanästhesie. Anästh Intensivmed 2015;56:34–40.
  • Pegues DA, Carr DB, Hopkins CC: Complicanze infettive associate a cateteri epidurali temporanei. Clin Infect Dis 1994;19:970–972.
  • Green BGJ, Pathy GV: Garantire la sterilità degli oppioidi per la somministrazione spinale [Lettera]. Anestesia 1999;54:511.
  • Schulz-Stübner S, Pottinger J, Coffin S, Herwaldt L: infezioni nosocomiali e controllo delle infezioni in anestesia regionale. Acta Anesth Scand 2008;52:1144–1157.
  • Friedman Z, Siddigui N, Katznelson R, et al: L'esperienza non è sufficiente: ripetute violazioni nella tecnica asettica dell'anestesia epidurale da parte di operatori alle prime armi nonostante una migliore abilità. Anestesiologia 2008;108:914–920.
  • Reisig F, Neuburger M, Zausig YA, et al: Controllo delle infezioni riuscito nelle procedure di anestesia regionale: indagine osservazionale dopo l'introduzione delle raccomandazioni igieniche della DGAI [in tedesco]. Anestesista 2013;62:105–112. Epub prima della stampa.
  • O'Grady NP, Alexander M, Burns LA, et al, e il Comitato consultivo per le pratiche di controllo delle infezioni sanitarie (HICPAC): Linee guida per la prevenzione delle infezioni correlate al catetere intravascolare. CDC, 2011.
  • Rosenthal VD, Rodrigues C, Alvarez-Moreno C, et al: Efficacia di un approccio multidimensionale per la prevenzione della polmonite associata al ventilatore nelle unità di terapia intensiva per adulti di 14 paesi in via di sviluppo di quattro continenti. Risultati dell'International Nosocomial Infection Control Consortium. Crit Care Med 2012;40:3121–3128.
  • Bloc S, Mercadal L, Garnier T, et al: Valutazione di un nuovo metodo di disinfezione per sonde a ultrasuoni utilizzate per l'anestesia regionale: luce ultravioletta C. J Ultrasound Med 2011;30:785–788.
  • Kac G, Pdglajen I, Si-Mohamed A, et al: Valutazione dell'ultravioletto C per la disinfezione dei trasduttori a ultrasuoni endocavitari contaminati in modo persistente nonostante le coperture delle sonde. Infect Control Hosp Epidemiol 2010;31:165–170.
  • Volk T, Hbecker R, Rücker G, et al: empiema subdurale combinato con ascesso paraspinale dopo l'inserimento del catetere epidurale. Anesth Analg 2005; 100: 122–123.