Blocchi nervosi del piano pettorale e serrato - NYSORA | NYSORA

Blocchi nervosi del piano pettorale e serrato

Rafael Blanco e Michael J. Barrington

INTRODUZIONE

Il nervo pettorale (Ppecs) e i blocchi nervosi del piano dentato sono tecniche di anestesia regionale del torace guidate da ultrasuoni (US). Il crescente utilizzo di ecografia identificare gli strati di tessuto e, in particolare, gli strati fasciali ha portato allo sviluppo di diverse nuove tecniche di iniezione interfasciale per l'analgesia del torace e della parete addominale. Ad esempio, il blocco nervoso Pecs I è stato ideato per anestetizzare i nervi pettorali mediali e laterali, che innervano i muscoli pettorali.

Ciò si ottiene mediante un'iniezione di anestetico locale sul piano fasciale tra i muscoli pettorali maggiori e minori. Il blocco nervoso Pecs II (che comprende anche il blocco nervoso Pecs I) è un'estensione che prevede una seconda iniezione laterale al punto di iniezione Pecs I nel piano tra il pettorale minore e il muscolo dentato anteriore con l'intenzione di fornire il blocco della parte superiore nervi intercostali. Un'ulteriore modifica è il blocco nervoso del piano dentato, in cui viene iniettato anestetico locale tra i muscoli dentato anteriore e latissimus dorsi.

Queste iniezioni interfasciali sono state sviluppate come alternative a quelle toraciche epidurale, paravertebrale, intercostale, e blocchi nervosi intrapleurici, principalmente per l'analgesia dopo l'intervento chirurgico sull'emitorace. Inizialmente, i blocchi nervosi Pecs erano destinati all'analgesia dopo un intervento chirurgico al seno; tuttavia, casi clinici hanno anche descritto l'uso di blocchi nervosi pettorali e del piano dentato per l'analgesia dopo toracotomia e frattura costale. Le informazioni dalla letteratura attualmente pubblicata su pettorali e blocchi nervosi del piano dentato in riviste sottoposte a revisione paritaria sono riassunte in Tabella 1.

TABELLA 1. Sintesi di studi clinici controllati pubblicati e case report.

Autore, AnnoTipo di studioChirurgia/IndicazioneTipo di bloccoNIniettareRisultato
Blanco et al., 2013
Studio volontario-
Piano di Serratus
40.4 ml/kg di levobupivacaina
0.125% e gadolinio
La durata media della parestesia nella distribuzione del nervo intercostale T2-T9 è stata di 752 minuti (iniezione superficiale al dentato anteriore)
Wahba e Kamal, 2014
Esperimento casuale controllato
Mastectomia
Pecs II contro PVB
60
0.25% levobupivacaina:
15–20 ml T4 PVB,
10 ml Pecs I blocco

I pettorali bloccano il consumo postoperatorio di morfina (prime 24 ore) e i punteggi del dolore (prime 12 ore) rispetto al PVB dopo mastectomia
Fujiwara et al., 2014
Case report
Inserimento dispositivo di risincronizzazione cardiaca
Intercostale al primo e al secondo interspazio, blocco Pecs I
1
0.375% di ropivacaina:
blocco intercostale da 4 ml,
10 ml Pecs I blocco
Intervento chirurgico eseguito in sede intercostale/
Pecs I blocca e dexmedetomidina
Kunhabdullà
et al., 2014
Case report
Analgesia per frattura costale
Piano di Serratus
1
20 ml di bolo di bupivacaina allo 0.125%, quindi infusione di bupivacaina allo 0.0625% a 7–12 ml/h
Analgesia efficace per consentire la fisioterapia e la deambulazione
Madabushi
et al., 2015
Case report
Analgesia per toracotomia
Piano di Serratus
1
6 ml di bolo 1% di lidocaina, quindi infusione di bupivacaina 0.1% a 7 ml/h
Miglioramento del dolore e della ventilazione
Murata et al., 2015
Case report
Chirurgia del seno
Pecs II
2
35 ml di ropivacaina allo 0.2% (mastectomia); 45 ml di ropivacaina allo 0.2% (lumpectomia)
Mastectomia eseguita in blocco Pecs II e infiltrazione supplementare
Ueshima, 2015
Case report
Resezione segmentale del seno
TTP combinato con Pecs II
1
0.15% levobupivacaina:
15 ml di TTP,
10 ml Pecs I,
20 ml Pecs II
Intervento chirurgico eseguito in TTP e
Blocchi Pecs II
Bashandy e Abbas, 2015
Esperimento casuale controllato
Mastectomia
Pecs II
120
0.25% bupivacaina:
10 ml Pecs I,
20 ml Pecs II
Punteggi del dolore su scala analogica visiva più bassi e requisiti di oppioidi nel gruppo Pecs rispetto al gruppo di controllo
Kulhari, 2016
Esperimento casuale controllato
Mastectomia radicale
Pecs II contro PVB
40
25 ml di ropivacaina allo 0.5%.
La durata dell'analgesia è aumentata nel blocco di Pec rispetto al gruppo PVB (4.9 contro 3.3 ore)
Hetta, 2016
Esperimento casuale controllato
Mastectomia radicale
Piano di Serratus
64
30 mL 0.25 % bupivacaina, piano di Serratus; 15 ml di bupivacaina allo 0.25%, PVB
Aumento del consumo di oppioidi nel piano dentato rispetto al gruppo PVB

I blocchi del nervo pettorale sono stati anche proposti nelle lettere all'editore come tecniche alternative per anestetizzare le regioni operative come l'ascella, il braccio prossimale mediale e la spalla posteriore, che non sono innervate dal plesso brachiale (Figura 1).

Figura 1. Posizione del trasduttore per blocchi Pecs. Inoltre, fare riferimento alle Figure 9 e 11.

ANATOMIA DELLE REGIONI PETTORALE E ASILLARE

I blocchi del nervo pettorale vengono applicati nelle regioni pettorali e ascellari, con i muscoli in entrambe le regioni innervati dal plesso brachiale. La regione pettorale sovrasta il muscolo grande pettorale ed è limitata dalle regioni ascellare, mammaria e inframammaria (Figura 2).

Immagine 2. Regione pettorale.

La regione ascellare è laterale alla regione pettorale ed è costituita dall'area della parte superiore del torace che circonda l'ascella. In entrambe le regioni sono presenti muscoli, nervi e vasi all'interno degli strati fasciali (Figura 3). Nella regione pettorale, ci sono quattro muscoli rilevanti per i blocchi nervosi del pettorale: il grande pettorale, il piccolo pettorale, il dentato anteriore e il succlavio. I muscoli pettorali maggiori e minori sono innervati dai nervi pettorali laterali e mediali; il dentato anteriore è innervato dal lungo nervo toracico (C5, C6 e C7); e la succlavia è innervata dal tronco superiore del plesso brachiale (C5 e C6).

Figura 3. Regione ascellare.

La regione ascellare è una struttura piramidale con quattro bordi:
1. L'apice o ingresso ascellare, formato da un bordo laterale della prima costola, bordo superiore della scapola e bordo posteriore della clavicola
2. Il bordo anteriore, formato dai muscoli pettorali maggiori e minori
3. Il bordo laterale, formato dall'omero
4. Il bordo posteriore, formato dai muscoli grande rotondo, gran dorsale e sottoscapolare.

Figura 2, i muscoli, i nervi e i vasi rilevanti per i pettorali e i blocchi nervosi del piano dentato sono riassunti in Tabelle 2, 3 e 4 rispettivamente.

TABELLA 2. Nervi rilevanti per pettorali e blocchi nervosi del piano dentato.

Nervo
Origine
innervation
Rilevanza
Torace lungo
Roots
(C5, C6, C7)
Muscolo dentato anteriore
Conosciuto come il nervo del dentato anteriore.
Pettorale laterale
Cordone laterale
(C5, C6, C7)
Muscoli pettorali maggiori e pettorali minoriPenetra la fascia clavipettorale per fornire direttamente il grande pettorale e, attraverso la comunicazione con il nervo pettorale mediale, il piccolo pettorale. Non c'è ramo cutaneo. Può essere localizzato sulla superficie profonda del grande pettorale.
pettorale medialeCordone mediale
(C8, T1)
Muscoli pettorali maggiori e pettorali minoriPenetra la superficie profonda del pettorale minore per innervare questo muscolo prima di penetrarlo per fornire il muscolo pettorale maggiore.
IntercostaleRami anteriori dei nervi spinali toraciciInnervazione sensoriale somatica segmentale alla pelleI rami cutanei laterali di T2-T6 innervano il seno laterale. Accessibile nella linea medio-ascellare.
toracodorsaleCorda posteriore (C6, C7, C8)Muscolo di Latissimus dorsiIl grande nervo del cordone posteriore, che ha un decorso nella parete ascellare posteriore, attraversa il bordo inferiore del grande rotondo per entrare nella superficie profonda del muscolo gran dorsale. Il nervo toracodorsale è adiacente all'arteria toracodorsale.

TABELLA 3. Muscoli rilevanti per i pettorali e blocchi nervosi del piano dentato.

Muscolo innervation Rilevanza
PettoraleMediale (C8, T1) e laterale
(C5–C7) nervi pettorali
Punto di riferimento ecografico.
Pettorale minoreEntrambi i nervi pettorali (C5–C8)Punto di riferimento ecografico.
Muscolo dentato anterioreNervo toracico lungo (C5–C7)Punto di riferimento ecografico per blocchi piani Pecs II e dentato. Il
si trovano i nervi intercostobrachiale, toracico lungo e toracodorsale
questo muscolo. L'arteria toracodorsale è superficiale a questo muscolo.
Teres maggioreNervo sottoscapolare (C5–C6)
(progenie del sottoscapolare
muscolo)
Contribuisce alla parete posteriore dell'ascella.
sottoscapolareSottoscapolare superiore e inferiore
nervi (C5–C8)
Contribuisce alla parete posteriore dell'ascella.
latissimus dorsiNervo toracodorsale (C6–C8)Contribuisce alla parete posteriore dell'ascella; punto di riferimento ecografico
per blocchi pialla dentata.

TABELLA 4. Vasi rilevanti per pettorali e blocchi nervosi del piano dentato.

Nave Rilevanza
AscellareÈ la continuazione dell'arteria succlavia dopo aver superato il bordo laterale della prima costola. Mente
laterale alla vena ascellare. Dà dei rami elencati di seguito.
Torace superioreRamo della prima parte dell'arteria ascellare; fornisce entrambi i muscoli pettorali.
toracoacromialeNasce dalla seconda parte (profonda al piccolo pettorale) dell'arteria ascellare, vicino alla parte superiore
margine del piccolo pettorale; perfora la fascia clavipettorale nella fossa infraclavicolare; ne ha quattro
rami che possono sorgere in profondità o superficiali alla fascia clavipettorale.
Torace lateraleSegue il margine inferiore del pettorale minore; fornisce entrambi i muscoli pettorali.
toracodorsaleNasce dalla terza parte (distale al piccolo pettorale) dell'arteria ascellare; inizialmente conosciuto come
l'arteria sottoscapolare, situata nella parete ascellare posteriore (ramo più grande dell'arteria ascellare),
prima di diventare l'arteria toracodorsale; ha un decorso con il nervo toracodorsale, che
innerva il latissimus dorsi.

Le regioni pettorali e ascellari sono separate da fasce. Nella regione pettorale sono presenti due fasce principali: la fascia superficiale e la fascia toracica profonda. La fascia toracica profonda si divide in tre fasce separate: pettorale (superficiale), clavipettorale (intermedio) ed esotoracica (profonda). La fascia clavipettorale si estende tra la clavicola e il piccolo pettorale (Figura 4) e racchiude il piccolo pettorale con un sottile strato di fascia. Tra il pettorale minore e il muscolo succlavio, i due strati della fascia clavipettorale si fondono.

Figura 4. La fascia clavipettorale e la sua continuazione nella fascia ascellare.

Caudalmente al piccolo pettorale, gli strati fasciali clavipettorali si uniscono per formare il legamento sospensorio dell'ascella, che si unisce alla fascia ascellare (Figura 5).
A livello pettorale, le fasce creano quattro potenziali compartimenti per l'iniezione di anestetico locale:

  1. Tra lo strato fasciale pettorale superficiale e profondo
  2. Tra la fascia pettorale e la fascia clavipettorale
  3. Tra la fascia clavipettorale e il bordo superficiale del muscolo dentato anteriore
  4. Tra il muscolo dentato anteriore e la fascia esotoracica

Figura 5. Sezione dell'ascella che mostra la fascia clavipettorale che racchiude il succlavio e i muscoli pettorali minori. Inferiore al muscolo piccolo pettorale, la fascia clavipettorale diventa il legamento sospensorio.

I primi due compartimenti si trovano nella regione pettorale, ma il terzo e il quarto comunicano con la regione ascellare. I nervi e i vasi in questa regione creano comunicazioni attraversando i compartimenti. I nervi della regione pettorale sono principalmente i nervi pettorali laterali e mediali, ma c'è anche un'importante innervazione dal nervo sopraclavicolare e dai rami laterali e anteriori dei nervi intercostali. Il nervo pettorale laterale attraversa anteriormente l'arteria ascellare e perfora la fascia clavipettorale in stretta relazione con l'arteria toracoacromiale sulla superficie inferiore della porzione superiore del muscolo grande pettorale, che fornisce con le fibre del cordone laterale da C5-C7 (Figura 6).

Figura 6. Relazione del nervo pettorale laterale con l'arteria acromiotoracica.

Il nervo pettorale laterale è mediale al pettorale minore prima di entrare nel muscolo pettorale maggiore; comunica attraverso l'arteria ascellare con il nervo pettorale mediale e, attraverso questa comunicazione (via ansa pettorale), fornisce il piccolo pettorale. Il nervo pettorale mediale nasce dalle fibre del cordone mediale da C8-T1, dietro l'arteria ascellare a livello sotto la clavicola, e passa attraverso la superficie profonda del pettorale minore, che viene perforato e quindi entra e innerva il pettorale maggiore. Entrambi i nervi pettorali entrano nella superficie profonda del grande pettorale e nessuno dei due ha un ramo cutaneo. I nervi della regione ascellare sono l'intercostobrachiale, l'intercostale T3-T9, il torace lungo e il toracodorsale. Il nervo intercostobrachiale è il ramo cutaneo laterale del secondo e del terzo nervo intercostale rispettivamente nel 67% e nel 33% dei casi. Attraversa il muscolo dentato anteriore nella linea medioascellare per innervare l'ascella. Il nervo intercostobrachiale è un nervo vitale se è necessaria l'anestesia regionale dell'ascella.

I nervi intercostali (T3-T9) forniscono l'alimentazione motoria ai muscoli intercostali e ricevono informazioni sensoriali dalla pelle e dalla pleura parietale. I nervi intercostali hanno rami posteriori, laterali e anteriori e un ramo accessorio anteriore che innerva lo sterno. I rami laterali innervano la maggior parte delle regioni pettorali e ascellari, insieme all'emitorace posteriore, fino alla scapola. Perforano il muscolo intercostale esterno ed escono tra le digitazioni anteriori del dentato a livello della linea medioascellare. Il nervo toracico lungo si trova nel compartimento ascellare vicino al ramo toracico laterale dell'arteria toracoacromiale e viaggia lungo la parte laterale del muscolo dentato anteriore, che innerva.
Nato dal cordone posteriore, il nervo toracodorsale, C6–C8 (nervo del gran dorsale), ha un decorso posteriormente nel compartimento ascellare, in stretta relazione con l'arteria toracodorsale (Tabelle da 2 a 4). Il nervo toracodorsale diventa prominente quando l'omero viene abdotto e ruotato lateralmente. È un nervo importante e di grandi dimensioni in pericolo durante la chirurgia ricostruttiva e altri interventi che coinvolgono l'ascella inferiore (v Tabella 2).

Per una rassegna più completa, cfr Anatomia funzionale dell'anestesia regionale.

COMPENDIUM DI ANESTESIA REGIONALE DEL NYSORA

Contenuto Premium di NYSORA

Istruzioni dettagliate per 60 blocchi nervosi

Illustrazioni personalizzate, animazioni e video clinici

Comunità per la condivisione di suggerimenti clinici di vita reale

Accesso tramite piattaforma desktop o app mobile

Infografica per la preparazione all'esame (es. EDRA)

BLOCCHI NERVOSI DELLA PARETE TORACICA

I pettorali ho blocco nervoso

Il blocco nervoso Pecs I comporta un'idrodissezione del piano tra i muscoli pettorali con anestetico locale per bloccare i nervi pettorali laterali e mediali. I principali punti di riferimento per identificare il punto di iniezione sotto guida ecografica sono i muscoli pettorali maggiori e piccoli pettorali e il ramo pettorale dell'arteria toracoacromiale. Il blocco nervoso viene eseguito con il paziente supino, con il braccio vicino al torace o rapito a 90 gradi. Con standard dell'American Society of Anesthesiology (ASA) monitoraggio e ossigeno supplementare, l'operatore localizza il processo coracoideo sull'ecografia nel piano sagittale paramediano. Il trasduttore è ruotato leggermente per consentire una traiettoria dell'ago in piano dal lato prossimale e mediale verso il lato laterale (cioè, il bordo caudale del trasduttore viene spostato lateralmente, mentre il bordo prossimale rimane invariato) (Figura 7). Questa rotazione aiuta a visualizzare il ramo pettorale dell'arteria toracoacromiale. Il corretto piano fasciale è confermato dall'idrodissezione per aprire lo spazio tra i muscoli pettorali. Il volume suggerito è 0.2 ml/kg di anestetico locale a lunga durata d'azione (Figura 8 tuttavia, il lettore deve essere informato che al momento della pubblicazione non sono stati condotti studi di dose-ranging e, pertanto, non sono attualmente disponibili raccomandazioni basate sull'evidenza.

 

Dal Compendium of Regional Anesthesia: Reverse Ultrasound Anatomy per un blocco PEC I con inserimento dell'ago in piano e diffusione dell'anestetico locale (blu). PTA, ramo pettorale dell'arteria toracoacromiale; R2, seconda nervatura; R3, terza costola.

 

Figura 7. Posizione del trasduttore per il blocco nervoso Pecs I.

Figura 8. Sonogramma dell'iniezione di Pecs I. A sinistra: posizionamento dell'ago; a destra: diffusione desiderata dell'anestetico locale.


Dal Compendio dell'anestesia regionale: priming cognitivo per un blocco PEC I. 

Blocco nervoso Pecs II

L'obiettivo del blocco nervoso Pecs II è di infiltrare due compartimenti fasciali dividendo la dose di anestetico locale tra i nervi pettorali (fascia pettorale e fascia clavipettorale) e sotto il muscolo piccolo pettorale (tra la fascia clavipettorale e il bordo superficiale del muscolo dentato). L'anestetico locale dovrebbe coprire due importanti compartimenti delle fasce interessate: il compartimento pettorale con i nervi pettorali ei rami intercostali per l'ascella e il torace. Il blocco nervoso viene eseguito con il paziente supino, con il braccio abdotto di 90 gradi o al suo fianco. La prima iniezione è simile a Pecs I, mentre la seconda viene effettuata sulla linea ascellare anteriore a livello della quarta costola. La profondità è solitamente di 1–3 cm per la prima iniezione e di 3–6 cm per la seconda. Con il trasduttore a livello medioclavicolare e angolato infero-lateralmente, si possono identificare l'arteria e vena ascellare e la seconda costola (Figura 9).

 

Dal Compendio di Anestesia Regionale: Reverse Ultrasound Anatomy per un blocco PEC II con inserimento dell'ago in piano e diffusione dell'anestetico locale (blu) 1) Tra i muscoli pettorali maggiori e minori (PEC I) e 2) Tra il pettorale minore e muscoli dentati anteriori.

 

Figura 9. Posizione del trasduttore per il blocco nervoso Pecs II.

Il trasduttore viene quindi spostato lateralmente fino a identificare il pettorale minore e il dentato anteriore. Con un ulteriore movimento laterale del trasduttore, è quindi possibile identificare la terza e la quarta nervatura. L'anestetico locale viene iniettato in due punti: la prima iniezione di circa 0.2 ml/kg di anestetico locale a lunga durata d'azione viene effettuata tra i muscoli pettorali maggiori e minori e la seconda iniezione di 0.2 ml/kg tra il pettorale minore e il dentato muscoli anteriori. Figura 10 illustra l'anatomia ecografica, la traiettoria dell'ago e la diffusione desiderata dell'iniettato.

Figura 10. Ecografia Pecs II: passaggi per individuare i punti di iniezione. A: Sinistra: Inizia dalla clavicola; a destra: conta le costole fino all'ascella. B: A sinistra: prima iniezione tra il grande pettorale e il piccolo pettorale; a destra: sonda angolare per localizzare il legamento di Gilbert. C: Sinistra: sopra il muscolo dentato; a destra: sotto il muscolo dentato; cl, clavicola; scm, muscolo succlavio; pm, grande pettorale; pm, pettorale minore; av, vena ascellare; aa, arteria ascellare; pl, pleura; sm, muscolo dentato.

Dal Compendio dell'anestesia regionale: Priming cognitivo per un blocco PEC II.

Blocco nervoso del piano anteriore Serratus

Il blocco nervoso del piano dentato viene eseguito nella regione ascellare, in una posizione più laterale e posteriore rispetto ai blocchi nervosi Pecs I e II. Nella fossa ascellare, il nervo intercostobrachiale, i rami cutanei laterali dei nervi intercostali (T3-T9), il nervo toracico lungo e il nervo toracodorsale si trovano in un compartimento tra il dentato anteriore e il muscolo latissimus dorsi, tra le linee posteriori e medioascellari .

I due principali punti di riferimento anatomici sono il gran dorsale e il dentato anteriore. L'arteria toracodorsale corre nel piano fasciale tra i due. Durante la procedura si possono vedere anche le costole, la pleura e i muscoli intercostali. La posizione preferita del paziente è sdraiata su un fianco o supina con il braccio in avanti. Esistono due metodi principali per identificare il piano per il blocco del nervo dentato. Il primo metodo prevede il conteggio delle costole dalla clavicola mentre si sposta il trasduttore lateralmente e distalmente fino a identificare la quarta e la quinta costola (Figura 10). Il trasduttore viene orientato sul piano coronale e quindi inclinato posteriormente fino a identificare il latissimus dorsi (un muscolo spesso superficiale) (Figura 11). Il muscolo dentato, un muscolo spesso e ipoecogeno in profondità fino al gran dorsale, è ripreso sopra le costole. La traslazione del trasduttore posteriormente facilita l'identificazione del piano tra i muscoli dentato anteriore e latissimus dorsi. Un metodo alternativo consiste nel posizionare il trasduttore attraverso l'ascella, dove il latissimus dorsi apparirà più prominente (Figura 12). La posizione dell'arteria toracodorsale è più facile da identificare in questo modo. Entrambi gli approcci in piano e fuori piano sono appropriati. Dopo l'identificazione dei punti di riferimento ecografici, l'anestesia regionale può essere ottenuta utilizzando un trasduttore lineare da 38 mm, 6–13 MHz per piccole parti e una profondità di 1–4 cm; un 50–100 mm, calibro 22 ago per blocco nervoso regionale; e un'iniezione di 0.4 ml/kg di anestetico locale a lunga durata d'azione.

Dal Compendio dell'anestesia regionale: Reverse Ultrasound Anatomy per un blocco sul piano dentato anteriore con inserimento dell'ago in piano e diffusione dell'anestetico locale (blu) nell'opzione 1 (tra il gran dorsale e il muscolo dentato anteriore) o l'opzione 2 (sotto il dentato anteriore muscolo). TDA, arteria toracodorsale.

 

Figura 11. Posizione del trasduttore richiesta per il blocco nervoso del piano dentato.

 

Figura 12. Sonogramma di due possibili livelli per il blocco nervoso del piano dentato sotto (a sinistra) o sopra il muscolo (a destra).

Dal Compendio dell'anestesia regionale: Priming cognitivo per un blocco del piano anteriore dentato.

IL POTENZIALE ANALGESICO DEI BLOCCHI NERVOSI PECS

Viene fornita una sintesi degli studi pubblicati Tabella 1. Al momento in cui scrivo, c'erano due studi randomizzati controllati (180 pazienti), cinque case report (6 pazienti) e uno studio su volontari (4 pazienti, 8 emitorace). Bashandy e Abbas hanno riportato punteggi del dolore su scala analogica visiva e requisiti di oppioidi inferiori nel gruppo Pecs rispetto a un gruppo di controllo di pazienti dopo mastectomia. In questo studio, c'era una descrizione inadeguata dell'occultamento dell'allocazione e dell'accecamento del personale della sala operatoria. Wahba e Kamal hanno confrontato i blocchi nervosi Pecs con i blocchi nervosi paravertebrali in 60 pazienti sottoposti a mastectomia. Hanno scoperto che i blocchi del nervo Pecs riducevano il consumo postoperatorio di morfina (nelle prime 24 ore) e i punteggi del dolore (nelle prime 12 ore) rispetto al blocco paravertebrale dopo mastectomia. I blocchi del nervo pettorale sono stati utilizzati anche per l'inserimento di un dispositivo di risincronizzazione cardiaca. I pochi rapporti rimanenti descrivono l'utilità dei blocchi nervosi del piano dentato per l'analgesia in seguito a frattura costale e toracotomia.

SOMMARIO

I blocchi dei pettorali e dei nervi del piano dentato sono nuovi blocchi nervosi guidati dagli Stati Uniti per l'analgesia dopo un intervento chirurgico al seno e alla parete toracica laterale. I principali punti di riferimento ecografici sono i muscoli pettorali maggiore, pettorale minore e dentato anteriore e il ramo pettorale dell'arteria acromiotoracica. Poiché attualmente ci sono pochi rapporti sull'utilità di queste modalità di analgesia interventistica ecoguidata, i dati degli imminenti studi randomizzati controllati saranno necessari per stabilire il beneficio analgesico, le indicazioni e la sicurezza dei blocchi nervosi del pettorale e del piano dentato.

Questo testo era un esempio di contenuto del Compendio di Anestesia Regionale sul NYSORA LMS.

di NYSORA Compendio di Anestesia Regionale è semplicemente il curriculum più completo e pratico sull'anestesia regionale dalla A alla Z, con i contenuti Premium di NYSORA. A differenza dei libri di testo e degli e-book, il Compendio è continuamente aggiornato e presenta i video, le animazioni e i contenuti visivi più recenti di NYSORA.

Il Compendio è uno dei numerosi corsi di formazione gold standard sul sistema di apprendimento di NYSORA (NYSORA LMS) e la registrazione a NYSORALMS.com è libero. L'accesso COMPLETO al Compendio, tuttavia, si basa su un abbonamento annuale, poiché richiede un esercito di illustratori, editor di video e un team educativo per continuare a renderlo il MIGLIOR strumento per l'educazione su tutto l'anestesia regionale. Mentre puoi pensare al compendio come a un ebook sugli steroidi, un rapido test drive ti darà un'idea in tempo reale di quanto sia incredibile il compendio. Il tuo abbonamento trasformerà il modo in cui leggi l'anestesia regionale:

  • Impara visivamente: tutto ciò che è regionale, comprese le procedure di blocco spinale, epidurale e nervoso e i protocolli di gestione
  • Esamina le istruzioni dettagliate sulle tecniche per oltre 60 blocchi nervosi
  • Accedi alle favolose illustrazioni, animazioni e video di NYSORA (come Reverse Ultrasound Anatomy)
  • Accedi alle informazioni RA su qualsiasi dispositivo tramite la piattaforma desktop e l'app mobile
  • Ricevi aggiornamenti in tempo reale
  • Rivedere le infografiche per la preparazione all'esame (es. EDRA)
  • Utilizza il feed della community con discussioni su casi reali, immagini e video vengono pubblicati e discussi sia dagli iscritti che dai massimi esperti mondiali.

Anche se non desideri iscriverti al Compendio, registrati al NYSORA LMS, sii il primo a sapere cosa c'è di nuovo nell'anestesia regionale e partecipa alle discussioni sui casi.

Ecco di cosa si nutre l'attività NYSORA LMS sembra:

Siamo convinti che una volta sperimentato il Compendio sul NYSORA LMS, e non tornerai mai più ai tuoi vecchi libri e il tuo abbonamento supporterà il mantenimento di NYSORA.com gratuito per il resto del mondo.

Lettura aggiuntiva

  • Blanco R: Il "blocco del nervo pettorale": una nuova tecnica per fornire analgesia dopo
    chirurgia del seno. Anestesia 2011;66:847–848.
  • Blanco R, Fajardo M, Parras Maldonado T: Descrizione ecografica di Pecs II (Pecs I modificato): un nuovo approccio alla chirurgia del seno. Rev. Esp Anestesiol Reanim 2012;59:470–475.
  • Blanco R, Parras T, McDonnell JG, Prats-Galino A: Blocco del nervo piano di Serratus: un nuovo blocco del nervo della parete toracica guidato da ultrasuoni. Anestesia 2013;68:1107–1113.
  • Womack J, Varma MK: Blocco del nervo piano di Serratus per chirurgia della spalla. Anestesia 2014;69:395–396.
  • Purcell N, Wu D: Nuovo uso del blocco nervoso PECS II per la chirurgia della fistola dell'arto superiore. Anestesia 2014;69:1294.
  • Fujiwara A, Komasawa N, Minami T: nervi pettorali (PECS) e blocco nervoso intercostale per l'impianto di dispositivi di terapia di resincronizzazione cardiaca. Springerplus 2014;3:409.
  • Eid M, Nassr M, Aziz A: Blocco nervoso del piano anteriore serrato per lesione toracica del flagello. Casi di anestesia 18 giugno 2014, 2014-0074.
  • Kunhabdulla NP, Agarwal A, Gaur A, Gautam SK, Gupta R, Agarwal A: Blocco nervoso sul piano anteriore Serratus per fratture costali multiple. Medico del dolore 2014;17:E651–653.
  • Kiss G, Castillo M: Anestesia non intubata in chirurgia toracica problemi tecnici. Ann Transl Med 2015;3:109.
  • Fujiwara S, Komasawa N, Minami T: blocchi del nervo pettorale e blocco del nervo del piano dentato intercostale per sindrome post-toracotomica intrattabile. J Clin Anesth 2015;27:275–276.
  • Madabushi R, Tewari S, Gautam SK, Agarwal A, Agarwal A: Blocco nervoso sul piano anteriore di Serratus: una nuova tecnica analgesica per il dolore post-toracotomico. Medico del dolore 2015;18:E421–424.
  • Bashandy GM, Abbas DN: nervi pettorali I e II blocchi nervosi nell'analgesia multimodale per la chirurgia del cancro al seno: uno studio clinico randomizzato. Reg Anesth Antidolorifico 2015;40:68–74.
  • Wahba SS, Kamal SM: blocco del nervo paravertebrale toracico contro blocco del nervo pettorale per l'analgesia dopo un intervento chirurgico al seno. egiziano J Anaesth 2014; 30:129–135.